Ecologia

Con "Pfu Zero" raccolti oltre un milione di pneumatici abbandonati

Il progetto di EcoTyre, patrocinato dal ministero dell’Ambiente, è attivo da due anni

Roma, 13 lug. - (AdnKronos) - Fondali marini, rive dei fiumi, campi agricoli e capannoni industriali sono solo alcuni dei luoghi in cui il consorzio EcoTyre è intervenuto con il progetto Pfu Zero per raccogliere gli pneumatici fuori uso (i cosiddetti Pfu) abbandonati e avviarli al corretto recupero. In circa di due anni, quasi 60 interventi hanno permesso di raccogliere un milione di pneumatici e di trasformare 8.000 tonnellate di rifiuti in risorse.

Il progetto ha carattere nazionale e le regioni più coinvolte sono state il Piemonte con circa 30 interventi, la Sicilia con sette interventi e la Campania con quattro interventi. Diciotto iniziative sono state organizzate in altre otto regioni. "Dal 2011 – spiega Enrico Ambrogio, presidente di EcoTyre – il nostro consorzio ritira gratuitamente gli Pfu, per conto dei soci, presso oltre 8.000 gommisti e officine meccaniche garantendo che per ogni pneumatico nuovo immesso sul mercato ne sia avviato uno a recupero".

"Sappiamo, però, che in precedenza molti Pfu sono stati abbandonati e quindi abbiamo deciso di muoverci su due fronti - aggiunge Ambrogio - da un lato intervenendo direttamente su alcuni di questi depositi per consentire il riciclo di Pfu, dall’altro affiancando, alle attività di raccolta, iniziative di sensibilizzazione e informazione sulla corretta filiera di questi prodotti che possono essere una risorsa".

Per questo due anni fa è nato il progetto Pfu Zero che, in collaborazione con le amministrazioni locali e con il mondo dell’associazionismo, ha lo scopo di raccogliere gli Pfu abbandonati e spiegare che il modo corretto di smaltirli è lasciarli agli specialisti che effettuano il cambio gomme perché solo così si ha la certezza del loro recupero. Inoltre grazie al sito www.pfuzero.ecotyre.it i cittadini possono segnalare depositi abbandonati e contribuire a una mappatura nazionale di situazioni di questo genere.

Pfu Zero ha ottenuto il patrocinio del ministero dell’Ambiente e sono iniziate le collaborazioni con le associazioni ambientaliste. La prima è stata quella con "Puliamo il Mondo" di Legambiente che coinvolge ogni anno i volontari in decine di raccolte straordinarie di Pfu in tutto il territorio nazionale. Poi è stata avviata la collaborazione con l’associazione Marevivo da cui è nato il progetto "Pfu Zero nelle Isole Minori", grazie al quale i sub sono intervenuti in 15 isole minori e in due anni sono stati così ripuliti dagli Pfu i fondali di quasi tutti i piccoli porti isolani presenti in Italia.

Molto importanti anche gli interventi su capannoni industriali abbandonati pieni di Pfu; basti pensare che nel sito di Settimo Torinese sono stati portati via 500.000 Pfu e a Fiorenzuola d’Arda ben 300.000, da quelli piccoli per gli scooter a quelli enormi per ruspe e trattori.

13 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us