Ecologia

Coca-Cola Hbc Ag entra nel Global Climate Performance Leadership

Per la società emissioni di anidride carbonica tagliate del 5,3% rispetto al 2013

Roma, 18 nov. - (AdnKronos) - Coca-Cola Hbc Ag (Coca-Cola Hbc) ha ottenuto il rating A dal Carbon Disclosure Project (Cdp) ed entra nell’indice Global Climate Performance Leadership. Il Cdp è un’organizzazione no profit che fornisce l’unico sistema mondiale che consente alle società di valutare, diffondere, gestire e condividere informazioni riguardanti l’ambiente, invitando quindi le aziende a rendere noto il proprio impatto ambientale e ad adottare misure correttive per ridurlo.

Nel 2014 il Cdp ha alzato il rating di Coca-Cola Hbc da B, valutazione del 2013, ad A, e le ha riservato un posto nel Ftse 350 Leadership Index del Regno Unito, oltre a una nomina in "The A List: Global Climate Performance Leadership Index", che per la prima volta valuta tutte le società leader a livello ambientale nel mondo e non più soltanto le 500 realtà industriali su scala internazionale.

Coca-Cola Hbc ha fornito informazioni esaustive circa la valutazione e il controllo della propria Carbon Footprint, la strategia di cambiamento climatico. La società ha portato avanti numerosi progetti che hanno contribuito a ridurre la totalità delle emissioni (dirette e indirette) di anidride carbonica in termini assoluti del 5,3% rispetto all’anno precedente.

Fra le diverse iniziative intraprese da Coca-Cola Hbc figurano: il supporto nello sviluppo delle potenzialità del settore della barbabietola da zucchero in Russia, azione che entro il 2015 eliminerà la necessità di importare lo zucchero per svolgere le attività produttive dell’azienda nel Paese; la collaborazione con i fornitori mirata a installare refrigeratori privi di Hfc, il che comporta una nuova attrezzatura priva di idrofluorocarburi (Hfc) entro il 2015; un investimento di 3 milioni di euro nel 2013 in programmi per il risparmio energetico negli impianti.

Per il settimo anno consecutivo, inoltre, Coca-Cola Hbc, è leader europeo e mondiale secondo gli Indici di Sostenibilità del Dow Jones (Djsi), che valutano oltre 2.500 imprese tra le maggiori società quotate al mondo e selezionate in base a criteri economici, ambientali e sociali che siano pertinenti dal punto di vista finanziario.

Nel Dow Jones Sustainability Index, Coca-Cola Hbc si è aggiudicata il primo posto nel settore "beverage", totalizzando un punteggio dell’89%, rispetto all’81% del 2013, e ottenendo i risultati migliori della sua categoria dal punto di vista ambientale e sociale. In particolare, i maggiori progressi sono stati registrati nelle aree del marchio e nella gestione delle relazioni con la clientela, nella salute e nell’alimentazione, nella gestione della catena di approvvigionamento, nella capacità di attrarre e trattenere i talenti, nonché nello sviluppo e la cura dei propri dipendenti.

Sotto il profilo ambientale, alla gestione del rischio del packaging e delle risorse idriche è stato assegnato il punteggio massimo di 100 punti percentuali. “Le emissioni globali di gas a effetto serra continuano ad aumentare e siamo di fronte a un pericoloso rischio finanziario se non le riduciamo", dichiara Paul Simpson, Ceo del Carbon Disclosure Project.

"Il bisogno di dati riguardanti l’impatto aziendale sul cambiamento climatico e le strategie per mitigarlo non è mai stato così grande. Per questo motivo - conclude - ci congratuliamo con quelle società che sono entrate a far parte del Climate Disclosure Leadership Index di Cdp, che stanno rispondendo alla crescente richiesta di responsabilità ambientale e che sono un esempio da seguire”.

Tutti gli impianti di Coca-Cola Hbc Italia sono dotati di pannelli fotovoltaici e dal 2008 a oggi, il solo stabilimento di Nogara, ha beneficiato di oltre 65 milioni di euro di investimenti in ammodernamenti e ampliamenti. Nel 2010 è stata costruita nel sito produttivo veneto anche una centrale di cogenerazione per produrre energia, calore e acqua refrigerata in quantità tale da rendere lo stabilimento completamente autosufficiente sotto il profilo energetico con una riduzione delle emissioni di Co2 di oltre l’80% rispetto alle tecnologie precedenti.

18 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us