Ecologia

Il maggior produttore di CO2 dopo Cina e Usa? Il cemento!

La quantità di CO2 emessa ogni anno per produrre il cemento è superata solo da quella prodotta da Cina e USA, ed è tre volte quella causata dal trasporto aereo.

Se il cemento fosse un Paese, sarebbe il terzo più grande emettitore di gas serra, dietro Cina e Stati Uniti: il cemento è il materiale più utilizzato sulla Terra, consumato ad esempio per produrre calcestruzzo alla velocità di 150 tonnellate al secondo. Secondo la Global Cement and Concrete Association (GCCA), ogni anno vengono gettati circa 14 miliardi di metri cubi di calcestruzzo. E in tal modo la produzione del cemento è responsabile fino al 7 per cento delle emissioni globali di CO2, pari a tre volte le emissioni prodotte dall'aviazione.

Il cemento è il principale legante che tiene insieme i ciottoli e le pietre nel calcestruzzo. È costituito principalmente da clinker, ottenuto dalla cottura di argilla e calcare in una fornace. Nel processo si produce anidride carbonica, che finisce in atmosfera. Per fornire una tonnellata di cemento, il processo di cottura a 1.400 °C produce circa una tonnellata di CO2. Questo sistema, rimasto inalterato da quando il cemento è stato prodotto per la prima volta, oltre 200 anni fa, è responsabile del 70 per cento delle emissioni, mentre il restante 30 per cento proviene dall'energia utilizzata per tenere accesi i forni di lavorazione.

Obiettivo 2050. L'industria del calcestruzzo ha dichiarato di voler essere "carbon neutral" entro il 2050. Come primo passo, a ottobre ha fissato un obiettivo di riduzione delle emissioni "del 25 per cento entro il 2030". Ciò consentirebbe di evitare l'immissione in atmosfera di circa cinque miliardi di tonnellate di CO2 nel corso del decennio a venire. Non un cambiamento epocale, ma comunque un passo in avanti considerato che le emissioni globali di anidride carbonica da parte dell'uomo si aggirano attorno ai 37 miliardi di tonnellate l'anno.

La riduzione o l'eliminazione delle emissioni di CO2 dal settore dipende fortemente da tecnologie come la cattura e lo stoccaggio del carbonio che devono ancora essere implementate su una scala significativa. Ma, per quanto riguarda l'industria del cemento, esistono anche sistemi totalmente nuovi, come il riciclaggio del vecchio calcestruzzo e la sostituzione degli idrocarburi per i suoi altiforni con biocarburanti. 

Novità dalle start-up. Colossi statali come la China National Building Material Company hanno promesso di "fare la loro parte" nella decarbonizzazione del settore, ma non prevedono interventi radicali - che farebbero alzare il prezzo del cemento. Ci sono però anche nuove aziende che sperimentano soluzioni per ridurre le emissioni.

Solidia, negli Stati Uniti, prevede di catturare la CO2 e utilizzarla per essiccare la miscela di calcestruzzo, riducendo anche al minimo la quantità di acqua necessaria alla produzione. In Canada, CarbonCure sta studiando come iniettare CO2 liquefatta nel calcestruzzo e lì immagazzinarla, mentre la francese Hoffmann Green Cement già produce cemento a partire da rifiuti industriali: fanghi di argilla, scorie di altoforno e ceneri volanti (sottoprodotto della combustione del carbone).

Nuove regole. In alcuni Paesi c'è anche una spinta politica. La Francia, ad esempio, Paese che ospita diverse importanti aziende produttrici di calcestruzzo, ha recentemente emanato un nuovo regolamento per la produzione del cemento. A partire dal 2022 tutti i nuovi edifici saranno soggetti a restrizioni sul carbonio per tutta la durata della loro vita, dalla costruzione alla demolizione. La posta in gioco per il pianeta è alta: l'Onu stima che i tre quarti delle infrastrutture mondiali necessarie entro il 2050 devono ancora essere realizzate e dunque il cemento (o chi per esso) avrà ancora un ruolo fondamentale.

1 novembre 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us