Ecologia

Clima, nuovo allarme da record: gennaio 2024 è stato il più caldo di sempre

Se il 2023 è stato l'anno più caldo di sempre, il 2024 inizia altrettanto male: la temperatura media globale di gennaio ha superato di 1,7 °C la media pre-industriale. Come salveremo il clima?

Se il 2023 è stato l'anno più caldo da 150 anni a questa parte, anche il 2024 promette bene (si fa per dire). Gennaio 2024 è stato il mese di gennaio più caldo di sempre, da quando si registrano le temperature atmosferiche, con medie globali superiori di 1,7 °C rispetto alla media pre-industriale per questo mese. Lo indicano le rilevazioni del Servizio per i Cambiamenti Climatici Copernicus (C3S), che aggiunge che è stato un gennaio da record anche per le temperature oceaniche superficiali, di poco inferiori rispetto a quelle di agosto 2023, le più calde di sempre.

Una sfilza di record (negativi). Gennaio 2024 è dunque l'ottavo mese di fila in cui le temperature atmosferiche medie registrate sui continenti e sui mari hanno superato ogni precedente record rispetto a quello stesso periodo dell'anno. È anche il dodicesimo mese consecutivo in cui le temperature medie globali superficiali hanno ecceduto quel grado e mezzo rispetto alla media pre-industriale indicato dagli scienziati come limite da non oltrepassare, per scongiurare gli effetti più irreversibili dei cambiamenti climatici.

Qual è l'era pre-industriale? Per considerare oltrepassato questo limite di riscaldamento globale non basta un singolo mese, una settimana e neppure un anno di temperature medie globali superiori a +1,5 °C dall'era pre-industriale. Conta invece la media di lungo termine - sui 20-30 anni - che attualmente è di circa +1,25 °C rispetto all'era-preindustriale, cioè rispetto alla temperatura media registrata tra il 1850 e il 1900. A quell'epoca, probabilmente il Pianeta aveva già cominciato a riscaldarsi per effetto delle emissioni dovute ai combustibili fossili, ma siccome possediamo pochissime rilevazioni scientifiche precise e constanti prima di allora, si è scelto di considerarla come punto di riferimento per ragioni pratiche.

Siamo già fuori limite? Ciò potrebbe anche significare che il livello di global warming raggiunto finora è stato sottovalutato: secondo uno degli studi più accreditati, lo è stato, in effetti, e di circa 0,2 °C. Una ricerca uscita pochi giorni fa su Nature Climate Change e basata sulle temperature oceaniche registrate da antiche spugne suggerisce che ci sbagliamo addirittura di 0,5 °C, e che dunque potremmo aver raggiunto i +1,5 °C dall'era pre-industriale già nel 2010: molti scienziati però non condividono queste conclusioni.

Concentrati sull'obiettivo. A prescindere da quando raggiungeremo, o abbiamo raggiunto i +1,5 °C, sembra ormai sempre più evidente che il riscaldamento globale ha iniziato ad accelerare in modo anomalo. E se le ragioni di base sono sempre le stesse - emissioni di gas serra fuori controllo - i motivi dei valori sconcertanti dell'ultimo anno appaiono un po' meno chiari: potrebbero c'entrare El Niño, ma anche la recente eruzione del vulcano di Tonga e la riduzione di certi aerosol dall'atmosfera (per approfondire).

L'unica certezza è che la riduzione delle emissioni di gas serra di origine antropica è l'unico modo per fermare questo aumento di temperatura ormai fuori controllo.

8 febbraio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us