Ecologia

La Cina fa piovere per pulire l'atmosfera

L'atmosfera sopra Pechino era tersa, in occasione di una importante parata militare: tutto merito dell'inseminazione delle nuvole, che ha fatto piovere.

Non è la prima volta che i cinesi modificano il tempo meteorologico in occasione di un evento di prestigio e l'averlo fatto nuovamente significa che sono ormai padroni della tecnica. L'hanno fatto poco prima di una parata nel corso delle celebrazioni del centenario della fondazione del Partito Comunista Cinese, lo scorso luglio: la notizia è apparsa solo di recente, sul South China Morning Post, che riporta anche dichiarazioni di scienziati dell'Università di Tsinghua. Lo scopo della "semina delle nuvole" (cloud seeding) per indurre la pioggia, ore prima della parata, era quello di abbattere gli inquinanti atmosferici, che erano in concentrazioni così elevate da rendere l'aria quasi irrespirabile e creare una coltre simile a una fitta nebbia. Il risultato è stato più che soddisfacente e, riporta il quotidiano, tutti hanno potuto godersi l'intera parata sotto uno splendido cielo azzurro.

La tecnica di inseminazione delle nuvole consiste nel rilasciare, sopra a nuvole già presenti, particelle di ioduro d'argento: i piccoli granuli di sale servono per agglomerare le piccolissime gocce d'acqua che formano le nuvole in gocce sufficientemente grosse e pesanti da precipitare al suolo, ossia da formare pioggia. L'inseminazione su Pechino è stata condotta con razzi sparati la sera precedente la parata, quando il cielo si era annuvolato: stando ai testimoni, il lancio dei razzi "sembrava un'azione di guerra". La pioggia è arrivata due ore dopo l'inseminazione.

In tanti ci hanno provato. Un'altra produzione di pioggia indotta di cui si è avuta notizia si ebbe nel 2008, in occasione dei giochi olimpici di Pechino: in quel caso, però, si volle far piovere per evitare che piovesse proprio durante la fastosa cerimonia di inaugurazione dei Giochi. Quest'anno la sfida era differente: si voleva ripulire l'aria, e l'obiettivo è stato raggiunto. La Cina non è l'unico Paese che si è prodotto in simili prove: Israele, Russia, Tailandia, Stati Uniti ed Emirati Arabi lo hanno fatto per stimolare la pioggia durante periodi di siccità, non appena in cielo si formano nubi con una densità tale da permettere l'inseminazione. L'Italia è stata tra i primi Paesi, negli Anni Sessanta, a voler sfruttare tale tecnica per far piovere in periodi di siccità sulla Pianura Padana, ma i risultati sono sempre stati altalenanti, al punto che la sperimentazione è stata interrotta. Le problematiche, infatti, sono notevoli e non sono ancora ben chiare le condizioni ideali per inseminare una nuvola, condizioni che sembrano essere diverse in base anche alla morfologia del territorio sottostante.

Nessun problema ambientale. Ovviamente ci si chiede se ci sono ricadute negative per l'ambiente. A detta della maggior parte dei ricercatori non ve ne sono, perché si tratta di eventi molto localizzati e sporadici, e non influenzano le zone vicine. I sali che vengono immessi nelle nubi, poi, sono così poco densi che si disperdono senza praticamente ritornare al suolo. C'è solo un fatto da sottolineare: qual è realmente l'effetto dei sali sulla produzione della pioggia. C'è chi sostiene infatti, che non è poi così certo che la pioggia non si sarebbe sviluppata anche senza l'inseminazione - tant'è che non sempre la semina di questi sali porta alle piogge desiderate.

13 dicembre 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us