Ecologia

Cibo biologico e industriale: ci sono differenze?

Poche differenze rispetto a quello industriale. Ma...

di
Gli alimenti biologici, secondo uno studio della Stanford University, sarebbero quasi identici a quelli prodotti con l'aiuto della chimica. Ma si tratta di uno studio molto controverso. Ecco perché...

"Lo studio scientifico della Stanford ammette di poter essere sbagliato!"

Biologico sotto la lente -

cibi biologici, ritenuti molto più salutari

Annals of Internal Medicine

Bio non è meglio - In particolare da questo studio emerge che nei prodotti agricoli e nelle carni biologiche non ci sarebbero più vitamine, proteine, minerali o altri importanti elementi nutritivi. Né che ci siano meno sostanze potenzialmente pericolose come il colesterolo o acidi grassi in quantità eccessive. L'unica differenza significativa, riscontrata dai ricercatori di Stanford, sono i residui chimici nelle urine di chi mangia bio: che sono uguali negli adulti ma inferiori del 30% nei bambini.

Ma che studio è? - A guardar bene la realtà, però, di questo studio non ci si può fidare più di tanto. Non è stato, infatti, realizzato analizzando i cibi o le persone che li mangiano, ma mettendo insieme una biografia di circa 240 studi precedenti pubblicati dagli anni sessanta ad oggi. La stessa Annals of Internal Medicine avverte che ci potrebbero essere delle forti differenze tra i risultati di questo studio e la realtà a causa della scarsa - o nulla?- omogeneità dei dati e dei metodi scientifici utilizzati per compilare - perché di questo si tratta: di una semplice compilazione - questo studio dei ricercatori di Stanford. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

5 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us