Ecologia

Champagne contro il riscaldamento globale, la filiera viticola alleata del clima

Roma, 1 dic. - (AdnKronos) - Lo Champagne contro il surriscaldamento del pianeta. Mentre Parigi ospita la Cop 21 per raggiungere un accordo per la lotta ai cambiamenti climatici, la coltura più rappresentativa della Francia contribuisce allo sforzo internazionale attraverso il suo impegno pionieristico di viticoltura responsabile e sostenibile.

"Lo Champagne - afferma Vincent Perrin, direttore generale del Comité Champagne - ha tempestivamente preso coscienza dell'imperativo climatico, era nostro dovere agire d’anticipo". Il riscaldamento globale in Champagne è un dato di fatto: in 30 anni, le temperature sono aumentate di quasi 1,2 °C e le date della fioritura e della vendemmia sono anticipate di due settimane. Per contrastare questo fenomeno tutta la filiera dello Champagne si è mobilitata a partire dagli anni Ottanta per implementare soluzioni per la salvaguardia dell'ambiente (protocolli tecnici, strumenti, consulenza e supporto).

Nel 2003, la Champagne è stata la prima regione vinicola al mondo a calcolare la propria impronta carbonica e a stabilire un piano che ha identificato diversi azioni: viticoltura sostenibile, trasporto delle merci, efficienza energetica degli edifici, acquisti responsabili e partecipazione che hanno portato a soluzioni innovative, come la riduzione del 7% del peso della bottiglia di champagne.

E in 10 anni ha ridotto le sue emissioni di anidride carbonica del 15% per bottiglia spedita ed è uno dei pochi settori ad aver ridotto le sue emissioni in termini assoluti. Oggi, il 100% dei viticoltori della Champagne sono integrati in questo processo. Inoltre, l'iscrizione al Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'Unesco di 'Coteaux, Maisons e Caves della Champagne' incoraggia questi sforzi e dimostra la capacità del settore di preservare il suo patrimonio.

1 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us