Ambiente

Champagne contro il riscaldamento globale, la filiera viticola alleata del clima

Roma, 1 dic. - (AdnKronos) - Lo Champagne contro il surriscaldamento del pianeta. Mentre Parigi ospita la Cop 21 per raggiungere un accordo per la lotta ai cambiamenti climatici, la coltura più rappresentativa della Francia contribuisce allo sforzo internazionale attraverso il suo impegno pionieristico di viticoltura responsabile e sostenibile.

"Lo Champagne - afferma Vincent Perrin, direttore generale del Comité Champagne - ha tempestivamente preso coscienza dell'imperativo climatico, era nostro dovere agire d’anticipo". Il riscaldamento globale in Champagne è un dato di fatto: in 30 anni, le temperature sono aumentate di quasi 1,2 °C e le date della fioritura e della vendemmia sono anticipate di due settimane. Per contrastare questo fenomeno tutta la filiera dello Champagne si è mobilitata a partire dagli anni Ottanta per implementare soluzioni per la salvaguardia dell'ambiente (protocolli tecnici, strumenti, consulenza e supporto).

Nel 2003, la Champagne è stata la prima regione vinicola al mondo a calcolare la propria impronta carbonica e a stabilire un piano che ha identificato diversi azioni: viticoltura sostenibile, trasporto delle merci, efficienza energetica degli edifici, acquisti responsabili e partecipazione che hanno portato a soluzioni innovative, come la riduzione del 7% del peso della bottiglia di champagne.

E in 10 anni ha ridotto le sue emissioni di anidride carbonica del 15% per bottiglia spedita ed è uno dei pochi settori ad aver ridotto le sue emissioni in termini assoluti. Oggi, il 100% dei viticoltori della Champagne sono integrati in questo processo. Inoltre, l'iscrizione al Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'Unesco di 'Coteaux, Maisons e Caves della Champagne' incoraggia questi sforzi e dimostra la capacità del settore di preservare il suo patrimonio.

1 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us