Centri rifugiati e carceri minorili, una seconda vita per i libri di scuola/Foto

Parole chiave: riuso, alfabetizzazione e accesso alla cultura

bookcycle4
| ADN Kronos

Roma, 4 set. - (AdnKronos) - Far sì che i libri arrivino alle comunità che non se li possono permettere. Questa è la missione di Baby Book-Cycle, un progetto dell'associazione no profit Book Cycle che da quattro anni raccoglie i testi scolastici nelle scuole romane e da privati per spedirli ai Centri per rifugiati e richiedenti asilo in tutta Italia e nelle carceri minorili. Libri di storia, geografia, educazione civica e grammatica italiana, assieme a romanzi in lingua straniera o con traduzione a fronte, dizionari monolingue e bilingue, tutto il necessario perché le persone accolte nei Centri possano imparare l'italiano gratuitamente. Ma anche libri di tecnologia, di cucina, fumetti, testi religiosi.

 

Lo scopo è permettere il riutilizzo di testi ben conservati, altrimenti destinati al macero o inutilizzati, rendendo partecipe il sistema scolastico di un progetto sociale ed educativo. "Abbiamo messo delle scatole di raccolta libri in cinque scuole del VI Municipio di Roma e andiamo a svuotarle ogni due o tre mesi - spiega ad AdnKronos la volontaria Angela Processione - ma a inizio settembre ci sono molte donazioni anche da privati, soprattutto lettori forti che, svuotando le loro biblioteche, hanno il piacere di sapere che i loro libri possono avere un'utilità sociale. I libri non destinati ad essere spediti li vendiamo a offerta libera per finanziare le spedizioni, perché la nostra associazione non ha finanziamenti esterni".

 

Una volta arrivati a destinazione, sono gli operatori dei Centri a occuparsi di organizzare le biblioteche e di distribuire i volumi ai ragazzi: "A riceverli sono laureati, bambini, analfabeti, persone di tutte le classi sociali - continua Processione - non abbiamo un conteggio preciso, ma nei quattro anni avremo inviato circa 20mila libri". L'ultima spedizione a luglio 2015, quando Book Cycle ha spedito grammatiche, testi di matematica, vocabolari e fumetti alla cooperativa 'La vita è adesso' di Caltagirone: a riceverli sono stati 50 minori provenienti da Senegal, Sierra Leone, Guinea, Costa d'Avorio, Gambia, Nigeria, Egitto e Mali".

 

"A maggio 2015, Book Cycle - grazie alla collaborazione dell'associazione Antigone e della casa editrice L'Asino d'oro - è riuscita ad ampliare il suo raggio d'azione e a spedire 20 colli di libri nei carceri minorili di Roma, Torino, Pontremoli e Bari. "Abbiamo mandato libri scolastici per istituti superiori, molti nuovi grazie alle donazioni di alcuni insegnanti che ci hanno regalato le loro copie omaggio", spiega la volontaria. Tra le altre destinazioni, i centro Sprar di Roma, Prato, Arezzo, Parma, dell'Isola di Capo Rizzuto e di Forlì.

 

4 settembre 2015 | ADNKronos