Ecologia

C'è un'altra isola di plastica nel Pacifico

Come se una non fosse già abbastanza: la nuova discarica fluttuante si trova nella parte meridionale dell'oceano e si starebbe espandendo a ritmi preoccupanti.

La grande chiazza di immondizia del Pacifico, l'isola della vergogna contenente milioni di tonnellate di plastica abbandonata dall'uomo, ha ora una compagna di cui si poteva fare a meno.

Un altro vortice di rifiuti plastici è stato trovato in questo oceano, questa volta nella parte meridionale, dopo che diversi indizi ne avevano suggerito l'esistenza.

Questo secondo accumulo sembra estendersi per 2,6 milioni di km quadrati, 8 volte e mezzo le dimensioni dell'Italia. Anch'esso si è formato in un punto di confluenza delle correnti oceaniche, detto "giro".

La scoperta, nella stessa porzione di oceano, di un'isola sperduta completamente invasa dalla plastica aveva accresciuto i sospetti sulla presenza di un nuovo vortice, ma ora gli oceanografi della Algalita Marine Research Foundation sono riusciti a raggiungerlo e a prelevare campioni.

Le analisi dei microframmenti di plastica del nuovo vortice. © Algalita Marine Research Foundation

Veloce. Il patch meridionale sembra simile, in dimensioni, al patch"gemello" così come appariva nel 2007: in pratica è come se si trovasse 10 anni indietro, ma le osservazioni indicano che si sta allargando molto velocemente. Nel 2011 una spedizione nella stessa area aveva infatti trovato pochi rifiuti di plastica. I ricercatori devono ancora completare le analisi, ma intanto hanno voluto diffondere alcune osservazioni preliminari per dare idea dell'entità del problema.

Troppo diffusa. La maggior parte della plastica trovata non consiste in sacchetti o bottiglie ma in micro frammenti grandi come chicchi di riso, distribuiti anche lungo tutto l'asse verticale: più che a una distesa di spazzatura eliminabile con un sistema di reti, somiglia a una nube di smog, da prevenire all'origine.

25 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us