Ecologia

Carne 'veg', da alimento di nicchia a business che fa gola

gigante asiatico dei noodle acquista per 833 mln dollari azienda con sede in Gran Bretagna

Roma, 1 ott. - (AdnKronos/Xinhua) - Hamburger, wurstel, salsicce, affettati sì, ma rigorosamente vegani. Se qualcuno pensa ancora che i prodotti sostitutivi della carne rappresentino una nicchia di mercato, dovrà ricredersi. Che si tratti invece di un business che fa gola a molti, lo dimostra la vicenda della Quorn, azienda con sede in Gran Bretagna produttrice di alternative alla carne a base di funghi, molto popolari tra vegetariani e vegani, e sponsor della medaglia d'oro olimpica "Mo" Farah.

L'azienda è stata infatti acquistata da uno dei maggiori produttori asiatici di noodle per 833 milioni di dollari, la Monde Nissin Corporation, con sede nelle Filippine, che ha vinto la gara per comprare Quorn, messa all'asta il mese scorso dagli attuali proprietari, attirando l'interesse di aziende alimentari a livello mondiale. Monde Nissin è stata fondata nel 1980 da Betty Ang, oggi una delle persone più ricche nelle Filippine con un patrimonio di circa 165 milioni di dollari.

La Quorn, che impiega più di 600 persone, continuerà a operare sotto i suoi nuovi proprietari dalla sua sede nel North Yorkshire (ma è anche attiva nei siti di Francoforte e Chicago). "Abbiamo l'ambizione di diventare i leader mondiali nelle alternative a base di carne, fino a creare un business da un miliardo di dollari. Monde Nissin ci offre la possibilità di espandere il marchio in Asia", dichiara il Ceo di Quorn Kevin Brennan. Quorn ha registrato un fatturato di 227 milioni di dollari nel 2014.

1 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us