Carne sintetica: pronti per la salsiccia vegana?

Una start-up ha presentato una carne sintetica derivata da proteine vegetali. Sana ed eco-friendly, rimpiazzerà la vera salsiccia?

impossible pork: la salsiccia vegana
Indistinguibile dalla carne di maiale, questo surrogato a base di soia potrebbe essere l'alternativa sostenibile a salame e salsiccia. | Impossible Food

Sembra una salsiccia, odora di salsiccia e sa perfino di salsiccia. Ma non è salsiccia: è il suo surrogato vegetale presentato qualche giorno fa al Consumer Electronic Show di Las Vegas da Impossibile Food, la start-up della Silicon Valley che nel 2016 aveva lanciato la carne di manzo artificiale ricavata dalle piante.

 

Impossibile Sausage, la salsiccia a base di Impossible Pork, potrebbe debuttare già il mese prossimo in alcuni ristoranti americani della catena Burger King. Secondo Pat Brown, CEO dell'azienda, la carne sintetica a base vegetale è l'unica risposta possibile all'allevamento intensivo di animali da macello, responsabili del 14,5% delle emissioni totali di gas serra e tra le principali cause di deforestazione

 

Vista da vicino. A detta di chi l'ha provato in occasione della presentazione di Las Vegas, il maiale vegan è del tutto simile a quello tradizionale, dal punto di vista della consistenza e del sapore. Senza glutine e progettata per poter essere consumata come "carne" kosher e halal, due certificazioni religiose che garantiscono il rispetto dei precetti ebraici e islamici nella macellazione, la non-carne Impossible Pork è rosa e tenera come il vero maiale.

 

Ma che cosa c'è dentro? La composizione del maiale impossibile non è molto diversa da quella del suo predecessore bovino. La proteina principale è derivata dalla soia, mentre i grassi sono ricavati da olio di girasole e olio di cocco. Il maiale vegetale è poi arricchito con amminoacidi, vitamine, zuccheri ed eme, un composto chimico che costituisce la parte non proteica di una serie di proteine tra cui l'emoglobina. L'eme, che è presente in tutti gli organismi viventi, è ricco di ferro e viene utilizzato nell'Impossibile Pork come catalizzatore delle reazioni chimiche che danno vita ai profumi e agli aromi di vera carne.

alimentazione, allevamento, cibo, consumi di carne nel mondo e in Italia
La mappa mondiale dei consumi di carne, in base ai dati della FAO del 2014 (gli ultimi disponibili). I numeri a fianco indicano il totale annuale di carne pro capite consumato, espresso in kg. Vedi anche: davvero il consumo di carne è diminuito? | Statista

Salami senza colesterolo. Dal punto di vista nutrizionale la carne di maiale artificiale è meno calorica rispetto a quella tradizionale (220 calorie contro le 350 per una porzione da 100 grammi), contiene meno grassi totali (13 grammi contro 32), meno grassi saturi (7 grammi contro 13), e niente colesterolo rispetto agli 86 mg del maiale. L'apporto proteico è analogo (circa 13 grammi), ma il maiale sintetico è molto più ricco di sodio (420 mg contro 80). Secondo Fernando Machado, responsabile marketing di Burger King, il maiale artificiale è destinato a replicare il successo del suo predecessore bovino, attirando persone attente all'ambiente e alla salute ma che non vogliono rinunciare alla carne.

 

Maiale a chi? I prodotti di Impossible Food non mettono però d'accordo tutti: tra i primi a scendere in campo contro il suino di soia sono stati i rappresentanti dell'associazione americana degli allevatori di maiale, che ravvisano una violazione nel chiamare "salsiccia" o "carne" ciò che in realtà non lo è. Piuttosto dura la replica dell'azienda, secondo la quale l'industria tradizionale deve accettare la nuove preferenze dei consumatori, che sempre più spesso scelgono prodotti sani, gustosi, a basso impatto ambientale e a base vegetale come alternativa ai cadaveri di mammiferi.

 

E poi? Quale sarà il prossimo alimento Impossible? Secondo quanto dichiarato dall'azienda, i ricercatori sono a buon punto nella realizzazione di un bacon a base vegetale che però, tengono a specificare, non sarà messo in commercio fino quando non sarà assolutamente perfetto. Nel frattempo, doveste passare dagli Stati Uniti, cercate la salsiccia sintetica e fateci sapere com'è.

 

3 febbraio 2020 | Rebecca Mantovani