Ecologia

Cambiamenti climatici: i loro effetti stanno accelerando

Nel quarto anno più caldo di sempre, l'innalzamento del livello dei mari ha infranto ogni record degli ultimi trent'anni. Intanto, gli oceani si surriscaldano e la Terra assiste ad alcuni dei peggiori cicloni che l'abbiano mai investita: il punto sul clima globale, secondo la World Meteorological Organization.

Il livello dei mari cresce più rapidamente: a confermare quanto già attestato da rilevazioni satellitari è lo State of the Climate, l'annuale rapporto sullo stato del clima globale della World Meteorological Organization (WMO). Nel documento, presentato martedì 2 aprile, si dà conto di tutti i principali indicatori climatici, e il quadro che emerge è cupo.

La brodaglia che minaccia le coste. Nel 2018, il livello globale dei mari è risultato più alto di 3,7 millimetri di quello del 2017, e il più alto in assoluto in tre decenni di rilevazioni. Gli oceani si sono fatti più caldi e più acidi: più del 90% dell'energia termica intrappolata dai gas serra viene immagazzinata dai mari, che nel 2018 hanno registrato un nuovo record termico sia ne primi 700 metri, sia nei primi 2.000 metri dalla superficie. Negli ultimi dieci anni gli oceani hanno assorbito almeno il 30% delle emissioni antropogeniche e si sono acidificati: il rapporto registra infatti una riduzione del pH superficiale dei mari.

Gas serra e termometri. Nel 1993, quando il report fu pubblicato per la prima volta, la concentrazione di CO2 in atmosfera era di 357 parti per milione (ppm). Oggi siamo a 405,5 ppm, si pensa in aumento: un documento molto recente dell'International Energy Agency riporta che nel 2018 le emissioni di carbonio sono cresciute dell'1,7% come risultato della più rapida crescita nell'utilizzo di energia degli ultimi 6 anni.

meteo, clima, mediterraneo
Mappa degli oceani in base alla densità dell'acqua: alle zone più scure corrisponde maggiore densità. La temperatura degli oceani, in media più elevata rispetto al secolo scorso, rende più difficile la formazione di acque dense da parte dei venti freddi. Per approfondire: dall'Adriatico alle correnti atlantiche. © NASA/Goddard Space Flight Center, Scientific Visualization Studio, Reto Stockli (NASA/GSFC)

Il Polo vulnerabile. Tutto questo ha un impatto importante sulle temperature: l'anno appena trascorso è stato il quarto più caldo di sempre, con temperature globali più alte di quasi 1 °C rispetto alla media del periodo 1850-1900. Inoltre, la temperatura media globale nasconde gradini più netti in alcune regioni, come quella artica, dove lo scorso anno la media globale è stata di 2 °C, in alcuni casi fino a 3 °C, più alta del solito. Sempre nell'Artico, nel 2019 la massima estensione del ghiaccio marino è stata la settima più bassa di sempre.

combustibili fossili, petrolio, Focus Extra 82
Al consumo dei combustibili fossili che genera gas che alterano il clima è dedicato il nuovo Focus Extra Energia 82 il monografico di Focus con l'approfondimento su temi di grande attualità. © Focus

Il global warming è già qui. Le conseguenze sul meteo di questo mix esplosivo sono già visibili: l'ondata di calore che nell'estate 2018 ha investito l'Europa ha causato incendi in Svezia, Gran Bretagna, Germania e Norvegia - Paesi normalmente meno esposti a questi eventi. Mentre è di poche settimane fa il passaggio del ciclone tropicale più devastante che abbia mai colpito l'emisfero meridionale: nella prima metà di marzo 2019, Idai ha imperversato su Mozambico, Zimbabwe e Malawi, lasciandosi dietro almeno 800 vittime accertate e centinaia di migliaia di senzatetto.

«Idai ha raggiunto la terraferma su Beira: una città a bassa elevazione e a rapida crescita, su una costa vulnerabile alle tempeste e già colpita dall'aumento del livello del mare», afferma Petteri Taalas, segretario generale della WMO: «quelle vittime sono il motivo per il quale ci serve un'agenda su sviluppo sostenibile, adattamento ai cambiamenti climatici e riduzione del rischio di disastri naturali.

»

9 aprile 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us