Ecologia

Cambiamenti climatici, fiumi e inondazioni

Le esondazioni sono un fenomeno costante in Europa, ma il clima modificato dalle attività umane cambia frequenze e stagioni.

I fiumi europei risentono di molti fattori ambientali: spesso escono dagli argini con una certa frequenza, provocando molti danni (più di ogni altro rischio naturale, provocando danni per 104 miliardi di dollari l'anno), ma allo stesso tempo “nutrendo” molti territori agricoli.

Questo però accadeva fino a qualche decennio fa: da quando i cambiamenti climatici hanno cominciato ad avere una profonda influenza sulle precipitazioni, sono cambiate anche le stagioni in cui i fiumi esondano.

Un’analisi approfondita di migliaia di dati fluviali in Europa, dal 1960 al 2010, condotta da molti studiosi di diversa provenienza e pubblicata su Science (qui l'abstract, in inglese), ha messo in luce che il cambiamento è ancora più complesso di quanto si pensasse.

L'anticipo. In alcune regioni europee le alluvioni sono anticipate, in altre sono invece ritardate. L'area in cui i fiumi hanno cambiato di più il loro comportamento è la costa ovest dell'Europa, dal Portogallo all’Inghilterra, dove i fiumi hanno rotto gli argini con circa 15 giorni di anticipo rispetto alle medie stagionali. Le regioni del centro-nord Europa hanno invece sperimentato ritardi di poco più di una settimana, così come la zona dell’Adriatico settentrionale.

Il fantasma della crisi alimentare. Le cause di questo cambio di stagionalità sono dovute in generale alle modifiche causate dal cambiamento climatico, e in particolare all’anticipato scioglimento dei ghiacci. Al contrario, i temporali invernali che tardano, alimentando i fiumi alcuni giorni dopo il regime storico, sono dovuti al riscaldamento dell’aria polare. Lo studio citato invita i decisori politici a tenere conto di questo “cambio di date”, perché l’agricoltura (ma non solo) potrebbe subire un grosso impatto negativo dal "nuovo" comportamento dei fiumi europei.

14 agosto 2017 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us