Ecologia

Coltivazioni in pendenza a rischio a causa dei cambiamenti climatici

Se le emissioni di gas serra cresceranno ai ritmi attuali, a fine secolo aumenteranno le zone aride e le coltivazioni in pendenza ne risentiranno.

Uno studio dell'Università di Padova ha indagato gli effetti dei cambiamenti climatici sulla cosiddetta agricoltura eroica - quella svolta in condizioni estreme rispetto alle pratiche tradizionali (per esempio lungo pendii ripidi e dove non è possibile utilizzare macchine) - e ha stimato che da qui a fine secolo, se le emissioni continueranno a salire ai ritmi attuali, i paesaggi agricoli in forte pendenza saranno quelli più danneggiati, in particolare a causa della siccità. «Rispetto alla media della superficie agricola globale, le aree agricole in forte pendenza sono significativamente più minacciate dai cambiamenti climatici», ha dichiarato Paolo Tarolli, uno degli autori della ricerca pubblicata su Nature Food.

I ricercatori hanno stimato come cambieranno le zone climatiche a fine secolo (2071-2100) sulla base dello scenario di emissione RCP8.5, che suppone che l'umanità continui a emettere gas a effetto serra al ritmo attuale, raggiungendo a fine secolo un forzante radiativo di 8,5 W/m2.

Coltivazioni in pendenza. Gli studiosi sono partiti da una mappa globale ad alta risoluzione dei paesaggi agricoli collinari e di montagna, per analizzare la distribuzione di questo particolare tipo di agricoltura nelle zone climatiche attuali e future. La maggior parte delle aree agricole in pendenza si concentra in Italia, Messico, Etiopia e Cina: tra gli esempi più conosciuti di coltivazioni eroiche vi sono le risaie Honghe Hani nello Yunnan cinese (patrimonio dell'umanità dal 2013), che producono 48 varietà di riso e sono gestite dalle minoranze Hani da oltre 1.300 anni, e le colline del Prosecco e del Soave (anch'esse patrimonio Unesco) in Italia.

Risaie Honghe Hani
Coldiretti spiega: «gli agricoltori eroici sono quegli imprenditori agricoli che coltivano e producono in zone interne e spesso disagiate, su terreni con forti pendenze e quasi totale assenza di meccanizzazione, mantenendo nonostante mille difficoltà un presidio ambientale e sociale di inestimabile valore e assicurando la sopravvivenza di produzioni agroalimentari e di specie animali a rischio di estinzione». Nell'immagine, le risaie Honghe Hani (Cina). © sanyanwuji | Shutterstock

Cambiamenti. Attualmente quasi la metà delle aree agricole in pendenza si trova in zone climatiche temperate, e quasi un terzo in zone fredde; globalmente solo il 27% delle coltivazioni in pendenza si trova in aree tropicali, aride o polari. Le proiezioni dello studio mostrano che tra ottant'anni la percentuale dei terreni agricoli di collina e montagna salirà al 27% (dal 17% attuale) nelle zone tropicali e al 16% (dal 9%) in quelle aride, mentre passeranno dal 28% al 13% nelle regioni fredde, e dal 46% al 44% in quelle temperate.

Siccità. «Le aree agricole in forte pendenza, spesso caratterizzate da un'alta specializzazione nella gestione dell'acqua derivante da antichi saperi tradizionali, saranno quelle maggiormente minacciate dal cambiamento climatico, soprattutto dalla siccità» conclude Tarolli, che sottolinea la necessità di adottare nuovi metodi che rendano queste coltivazioni più adattabili ai cambiamenti climatici, al fine di preservarne non solo il ruolo nella produzione alimentare, ma anche il valore storico e culturale.

26 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us