Ecologia

Buono stato di conservazione solo per il 23% delle specie e il 16% degli habitat europei

Il 51% degli habitat nelle zone umide è in un cattivo stato di conservazione. Lo rileva il nuovo Rapporto sullo Stato della Natura in Europa presentato oggi dalla Commissione Europea

Roma, 20 mag. - (AdnKronos) - Solo il 23% delle specie e il 16% degli habitat in Europa godono di un buono stato di conservazione. L’agricoltura intensiva, le infrastrutture energetiche e di trasporto dannose, sono identificate come le cause principali del declino e del degrado del patrimonio naturale in corso. Un esempio di questa situazione è la condizione drammatica in cui versano fiumi, zone umide e laghi, con il 51% degli habitat nelle zone umide in un cattivo stato di conservazione.

Lo rileva il nuovo Rapporto sullo Stato della Natura in Europa presentato oggi dalla Commissione Europea e che conferma le cattive condizioni della natura in tutta Europa. Nelle conclusioni del Rapporto, però, la Commissione riconosce il contributo fondamentale svolto dalla Rete Natura 2000 a tutela degli habitat e delle specie a rischio. Insomma, una gestione adeguata può consentire la ripresa dei sistemi naturali.

“Il presidente Juncker dovrebbe leggere attentamente il rapporto preparato dalla Commissione e indicare quali siano gli strumenti adeguati per salvare la natura in Europa e come da questi si debba partire per sostenere la ripresa della nostra economia - commenta Tony Long, direttore dell’European Policy Office del Wwf - L’Europa possiede un’ enorme ricchezza che deve essere difesa dalle minacce crescenti che vengono dall’agricoltura intensiva e da scelte di sviluppo energetico e di trasporto insostenibili. Esistono buone pratiche per gestire la natura e queste hanno sempre ripagato”.

Per il Wwf è fondamentale che venga confermata l’efficacia delle Direttive europee Habitat e Uccelli (le Direttive sulla Natura) quando nei prossimi mesi saranno chiamati a decidere sul futuro di queste direttive e che sia riconosciuto il loro ruolo di strumenti fondamentali per assicurare la conservazione della natura in Europa. Oltre centomila cittadini europei hanno già chiesto alla Commissione Europea di difendere queste Direttive.

Con l'occasione, il Wwf sottolinea un esempio di ‘cattiva gestione’ degli habitat: negli ultimi 5 anni in Italia è andato crescendo il consumo di legna da ardere. L’Italia è il primo mercato europeo, importando milioni di tonnellate di questo prodotto, ma ne consuma molte di più. Per questo le nostre foreste sono sempre più ceduate e gestite solo per produrre legna da ardere con una seria mancanza di piani di gestione a lungo termine, pianificazioni strategiche e di sistema.

In alcune regioni tali interventi sono svolti senza le necessarie valutazioni. Il mercato della legna da ardere e l’abuso del consumo di legna per tali fini rischia di compromettere la stabilità dei nostri habitat forestali, sempre più foreste ma di poca o scarsa qualità, insomma, foreste sempre più silenziose.

20 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us