Ecologia

Bollette più leggere, vademecum per grandi e piccini

Roma, 4 nov. (AdnKronos) - Dall'acqua del rubinetto alle luci accese fino al riscaldamento. Diverse le voci che fanno salire i consumi in casa ma ci sono tanti piccoli accorgimenti che possono contribuire a tagliarli insieme alle bollette. Soprattutto in vista del 1 dicembre quando tutti i Comuni italiani saranno riscaldati e, di conseguenza, aumenterà il consumo di energia che in Ue dipende per il 40% dalle abitazioni. Una quota importante, che per il 70% è determinata dalla climatizzazione invernale. E in Italia? Riscaldamento e acqua calda sanitaria generano il 30% dei consumi energetici nazionali e sono responsabili del 25% delle emissioni di anidride carbonica.

Consumi importanti ma anche una spesa che incide molto sul bilancio familiare. Così Mce Lab, l'osservatorio sul vivere sostenibile promosso da Mostra Convegno Expocomfort, suggerisce comportamenti virtuosi ed efficienti da adottare fin da piccoli. Ecco cinque 'dritte' per insegnare ai figli come 'vivere sostenibile' e come contribuire a rendere più leggera la spesa mensile:

1) Chiudere l’acqua quando ci si lava i denti. Per insegnare ai bambini questa semplice regola, far lavare i denti facendo scorrere l’acqua con il tappo del lavandino chiuso: in questo modo si può mostrare loro quanta acqua si spreca.

2) Se il termosifone è caldo, le finestre devono essere chiuse. Si può assegnare ai bambini il compito di controllare se i termosifoni sono accesi e in caso anche quello di chiudere le finestre.

3) Spegnere le luci quando si esce da una stanza.

4) Spegnere il videogioco quando si è finito di giocare. Perché anche in stand by le apparecchiature elettriche, come i videogiochi, consumano energia.

5) Infine, far stare il più possibile i bambini all’aria aperta: la loro sarà l’unica energia che non hanno bisogno di risparmiare.

Fin qui i più piccoli. Ma per fare in modo che anche i grandi diano l’esempio, ecco alcuni consigli rivolti alle mamme e ai papà per ridurre i consumi domestici:

1) Non coprire i termosifoni con pannelli, mobili o tende. Qualsiasi tipo di schermatura impedisce al calore trasmesso dal radiatore di diffondersi nell’ambiente, che si riscalderà più lentamente con un conseguente spreco di energia.

2)Spegnere gli impianti un’ora prima di andare a dormire o di uscire di casa. In questo modo non si sprecherà il calore immagazzinato dai muri che continuerà a essere rilasciato e a riscaldare gli ambienti anche una volta spento l’impianto.

3) Installare le valvole termostatiche. Obbligatorie a partire dal 31 dicembre 2016, tali valvole sono un dispositivo che installato sui termosifoni permette di regolare il flusso di acqua calda in base alla temperatura scelta, deviando l’acqua calda verso altre utenze o diminuendone la portata complessiva.

Secondo l’Enea dalla sola installazione di valvole termostatiche sui singoli radiatori il risparmio in bolletta può arrivare fino al 15%.

4) Scegliere caldaie a condensazione ad alta efficienza. Funzionano particolarmente bene se abbinati a un impianto di riscaldamento che lavora a basse temperature, come il riscaldamento a pavimento o i termoconvettori.

4 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us