Ecologia

La bioplastica è davvero biodegradabile?

Abbiamo sommerso nell'oceano tessuti naturali e sintetici: i primi si sono degradati dopo un mese, i secondi – alcuni a base di bioplastica – nemmeno dopo più di un anno.

Uno studio pubblicato su PLOS One ha analizzato per la prima volta la capacità di tessuti naturali, sintetici e misti di biodegradarsi nell'oceano, e i risultati sono stati sorprendenti: mentre quelli naturali e di cellulosa si sono dissolti nel giro di un mese, quelli sintetici – compresi quelli fatti della cosiddetta bioplastica come l'acido polilattico (PLA) – non si sono decomposti nemmeno dopo aver passato oltre un anno in acqua.

«I risultati evidenziano l'importanza di eseguire test standardizzati in grado di verificare se i materiali venduti come compostabili o biodegradabili lo siano davvero nell'ambiente naturale, e non solo in un contesto industriale», sottolinea Sarah-Jeanne Royer, coordinatrice dello studio.

Inquinamento da (bio)plastica. Si stima che al giorno d'oggi circa il 62 per cento dei tessuti (ovvero 68 milioni di tonnellate) sia di plastica o misto plastica, materiale che rimane nell'ambiente per decenni o anche secoli – senza contare che i tessuti sintetici contribuiscono all'inquinamento anche attraverso la dispersione di microfibre durante i lavaggi in lavatrice.

La bioplastica è un materiale prodotto a partire da risorse naturali come l'amido di mais o la canna da zucchero, venduta come potenziale soluzione all'inquinamento da plastica: il PLA, spesso etichettato come biodegradabile e compostabile, ne è la forma più diffusa.

Lo studio. Nel loro esperimento gli studiosi hanno analizzato dieci diversi tipi di tessuto, tra cui quelli in cellulosa a base di legno (come il lyocell o la viscosa), in cellulosa naturale (cotone), in bioplastica, in plastica a base di petrolio (polietilene tereftalato e polipropilene) e tessuti misti.

I tessuti sono stati sommersi nella superficie dell'acqua e a dieci metri di profondità dell'oceano, e gli studiosi li hanno esaminati ogni sette giorni. L'intero esperimento è durato 428 giorni.

Di "bio" c'è poco. Mentre i tessuti naturali e quelli in cellulosa si sono disintegrati più volte ogni 30-35 giorni, quelli a base di petrolio e quelli bio sono rimasti intatti fino alla fine dell'esperimento. Le fibre naturali si sono assottigliate con il tempo, mentre il diametro di quelle di plastica è rimasto invariato; anche l'impronta chimica ha subìto dei notevoli cambiamenti nei materiali in cellulosa, mentre non è mutata affatto in quelli sintetici.

Gli autori sottolineano che la bioplastica − venduta come materiale ecologico − e la plastica a base di petrolio rappresentano un'importante fonte di inquinamento, e bisognerebbe esplorare più a fondo il modo in cui questi materiali si comportano una volta dispersi nell'ambiente naturale.

«Il PLA, che si pensa sia biodegradabile perché ha il prefisso "bio", non lo è affatto», sottolinea Dimitri Deheyn, uno degli autori.

E QUINDI? Quello che possiamo fare, nel mentre, è comprare meno vestiti (evitando il più possibile il fast fashion), optando per tessuti di miglior qualità e in materiali naturali, o scegliendo indumenti di seconda mano che favoriscano l'economia circolare.

30 maggio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us