Ecologia

Il bus che va a... cacca. Ovvero biocarburante verde dalla toilette

Messo a punto nel Regno Unito un biometano ricavato da residui di fogna e scarti alimentari. Viene utilizzato come carburante per gli autobus e come gas domestico. Ma... la puzza?

Inquina poco, consuma poco e, a detta di chi ci è salito, non puzza neanche un po’: stiamo parlando del nuovo autobus a biometano che collega la cittadina inglese di Bath con l’aeroporto di Bristol.


E la considerazione olfattiva non è affatto di poco conto visto che il gas utilizzato dal mezzo è ottenuto da residui organici di origine umana (sì, insomma… le feci recuperate dalle fogne), scarti di cibo e altre sostanze di rifiuto dell’industria alimentare.

Batteri buoni. Questo disgustoso miscuglio viene trasformato in metano e CO2 all’interno di speciali vasche di fermentazione, grazie alla collaborazione di batteri anaerobici. Al termine del processo la CO2 viene eliminata e si aggiunge del gas propano. Un ultimo passaggio tra potenti filtri elimina le impurità e di consguenza (e per fortuna) anche la puzza.

GENeco, l’azienda che porta avanti il progetto, produce ogni anno oltre 17 milioni di metri cubi di biometano, sufficienti a soddisfare le esigenze energetiche di oltre 8.000 abitazioni. E da qualche giorno il biogas di GENeco viene pompato anche nella rete di distribuzione domestica. Quindi, con buona pace dei più schizzinosi, viene utilizzato anche per cucinare.

Quanta ne fai? Secondo i calcoli dei ricercatori ogni anno ciascuno di noi produce scarti organici e avanzi di cibo sufficienti per far percorrere a un autobus circa 30 km: ciò significa che una famiglia di 5 persone può contribuire, in media, a un pieno del mezzo. Non poco!

«Il biometano di origine umana può soddisfare il 10% delle necessità energetiche complessive del Regno Unito», ha spiegato alla stampa Charlotte Morton, manager della Anaerobic Resources and Biodigestion Association. «L’autobus dimostra che anche quello che c’è nelle nostre fogne e nelle nostre pattumiere può trasformarsi in una risorsa importante per l’ambiente e per il portfogli».

21 novembre 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Napoleone tenne in scacco tutte le monarchie d'Europa. Poi, a Waterloo, la resa dei conti. Chi erano i nemici dell'imperatore dei francesi? Come formarono le alleanze e le coalizioni per arginarlo? E perché tutti temevano la Grande Armée? Su questo numero, la caduta di Napoleone raccontata attraverso i protagonisti che l'hanno orchestrata.

ABBONATI A 29,90€

Miliardi di microrganismi che popolano il nostro corpo influenzano la nostra salute. Ecco perché ci conviene trattarli bene. E ancora: come la scienza affronta la minaccia delle varianti di CoVID-19, e perché, da sempre, l'uomo punta al potere. Inoltre, in occasione del 20° anniversario della sua seconda missione in orbita, l’astronauta italiano Umberto Guidoni racconta la sua meravigliosa odissea nello spazio.

ABBONATI A 29,90€

Vi siete mai chiesti quante persone stanno facendo l'amore in questo momento nel mondo? O quante tradiscono? E ancora: Esistono giraffe nane? Cosa sono davvero le "scie chimiche" degli aerei? E quanto ci mette il cibo ad attraversare il nostro copo? Queste e tante altre domande & risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, in edicola tutti i mesi. 

ABBONATI A 29,90€
Follow us