Ecologia

Bari a idrogeno, la città punta sulla mobilità alternativa

la città si candida a primo sito nazionale per implementare il Piano nazionale mobilità a idrogeno

Bari, 20 mag. - (AdnKronos) - Combustibili alternativi protagonisti a Bari, in occasione dell’incontro del comitato di indirizzo strategico Mobilità Idrogeno Italia (Mh2it). Il 23 maggio la città ospiterà l’incontro conclusivo dei lavori di Mobilità Idrogeno Italia, che con i suoi gruppi di lavoro e il comitato di indirizzo strategico, su incarico del ministero per lo Sviluppo Economico, ha lavorato alla proposta di Piano nazionale per la mobilità a idrogeno che il Governo presenterà alla Commissione Europea entro novembre, come previsto dalla Direttiva Ue sullo sviluppo del mercato dei combustibili alternativi.

Entro il 2050, gli obiettivi di decarbonizzazione fissati dall’Unione Europea e ribaditi durante la Conferenza sul clima di Parigi (Cop21) dovranno essere raggiunti. A tal fine, la Commissione Europea ha inserito l’idrogeno nella lista dei “combustibili alternativi”, al pari del gas naturale e dei biocarburanti.

Le vetture a idrogeno e pile a combustibile (Fcev), sono veicoli in cui l’elettricità viene prodotta direttamente a bordo, in tempo reale, attraverso una reazione elettrochimica tra idrogeno compresso e ossigeno atmosferico, senza alcuna combustione e con l’unico prodotto di scarto costituto dal vapore acqueo.

Hanno quindi la capacità di contribuire significativamente alla riduzione dei gas a effetto serra e dell'inquinamento atmosferico, col vantaggio, rispetto alle vetture elettriche a batteria o plug-in, di avere tempi di ricarica di pochi minuti e un’autonomia fino a 600 km. La Direttiva Ue lascia discrezionalità agli Stati membri in merito alla scelta di includere o meno l’idrogeno nel mix dei combustibili alternativi da indicare a Bruxelles; ma i fondi europei potenzialmente disponibili andranno ai Paesi che abbiano incluso questa tecnologia nel proprio piano nazionale.

“È una bella notizia che l’Italia stia lavorando per cogliere questa opportunità e prendere parte al progetto europeo sulla promozione dell’idrogeno tra i carburanti alternativi, dotandosi di un piano infrastrutturale per la mobilità a idrogeno all’altezza di un grande Paese come il nostro e ponendo così le basi per aumentare la competitività delle nostre imprese, dare una spinta verso l’innovazione e generare crescita economica, limitando al contempo le emissioni di anidride carbonica”, dichiara Alberto Dossi, presidente del comitato di indirizzo strategico di Mobilità Idrogeno Italia e presidente del Gruppo Sapio.

Il ruolo di Bari? La Puglia ha un surplus di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili che può essere utilizzato per la produzione di idrogeno e la città potrà rappresentare uno dei primi siti nazionali dove implementare le attività previste dal piano, che prevede una prima fase di attuazione attraverso lo sviluppo di flotte aziendali pubbliche o private, che potranno rifornirsi in aree dove sorgeranno le stazioni di rifornimento.

20 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us