Ecologia

Aziende etiche? Il controllo più severo spetta ai consumatori

Negli ultimi anni il modo di comunicare delle aziende sulle tematiche ambientali e sociali è molto cambiato ma non è abbastanza

Roma, 14 mag. - (AdnKronos) - Il controllo più severo su quanto dichiarano le aziende in termini di sostenibilità spetta ai consumatori. Ne è convinta Rossella Sobrero, presidente Koinètica che da anni si occupa di comunicazione sociale, Csr (Corporate social responsability, ossia responsabilità sociale d'impresa) e sostenibilità. L'impresa, spiega all'Adnkronos, “può dichiarare di aver fatto certificare da un ente terzo il proprio bilancio di sostenibilità: in questo caso si tratta di un controllo formale per confermare la veridicità di quanto dichiarato. Ma il controllo più severo è quello fatto da alcuni stakeholder”.

Per esempio, “le associazioni dei consumatori e i singoli cittadini-consumatori, o del consumatori come si inizia a dire, che analizzano in modo critico i bilanci di sostenibilità e denunciano la mancanza di coerenza tra quanto dichiarato e il comportamento reale dell’organizzazione”. Negli ultimi anni il modo di comunicare delle aziende su queste tematiche è cambiato “anche se non è abbastanza” commenta Sobrero, secondo cui “un segnale interessante è l’inserimento di valori ambientali nella comunicazione di prodotto".

Le imprese del settore automotive sono state tra le prime a promuovere nelle loro campagne l’attenzione all’ambiente, sottolineando in modo più o meno convincente il loro impegno. A volte si tratta solo di dichiarazioni generiche inserite in spot e annunci stampa ma in alcuni casi l’impresa ha realizzato progetti di comunicazione integrata che utilizzano social media, social network ed eventi non convenzionali”. A distanza di anni, però, i bilanci di sostenibilità restano ancora "strumenti solo per gli addetti ai lavori. Un vero peccato perché, se resi fruibili anche per chi è interessato a conoscere l’impegno dell’impresa, potrebbero diventare strumenti importanti di engagement."

14 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us