Ecologia

Assobioplastiche, direttiva Ue sugli shopper all'insegna dell'economia circolare

Obiettivo, ridurre il consumo da 200 a 90 sacchetti a testa entro il 2019 e a 40 sacchetti a testa entro il 2025

Roma, 25 nov. - (AdnKronos) - “Un importante passo in avanti per l’attuazione dell’economia circolare a livello europeo”. Così il presidente di Assobioplastiche Marco Versari commenta il voto del Consiglio d’Europa. “Il testo della direttiva emersa dalla trattativa tra Consiglio, Commissione e Parlamento Europeo persegue obiettivi chiari e condivisibili: la riduzione degli shopper monouso, il riconoscimento di modelli come quello italiano basati su divieti di commercializzazione, l’adozione di un’etichettatura unitaria per i prodotti compostabili, la validità degli standard europei che permettono lo sviluppo di un’industria delle bioplastiche compostabili".

Si tratta, per Versari, "di tasselli che contribuiscono in modo determinante allo sviluppo di un industria che può offrire una rilevante opportunità di rilancio di un comparto industriale come quello della chimica tradizionale in grande difficoltà in tutti i paesi europei”. La direttiva in attuazione del principio di prevenzione in materia di rifiuti pone l’obiettivo di ridurre la quantità di shopper monouso in circolazione (“lightweight plastic carrier bags”). Il parlamento europeo, guidato dalla relatrice Margaret Auken, si era già espresso in proposito nello stesso senso lo scorso aprile.

Ciascun cittadino europeo consuma in media 200 sacchetti di plastica per anno, ma ora l'Ue, tra le varie misure, ha previsto un chiaro tetto massimo: ridurre il consumo a 90 sacchetti a testa entro il 2019 e a 40 sacchetti a testa entro il 2025.

Gli Stati membri per conseguire gli obiettivi di riduzione potranno utilizzare divieti di commercializzazione, tasse o altri strumenti economici (pricing) come già previsto dalla legislazione italiana che ha rappresentato un modello pilota. Confermata la validità dello standard EN 13432:2000 per i prodotti biodegradabili e compostabili di cui è stato riconosciuto il minor impatto ambientale grazie alle loro proprietà di recupero organico.

Tali sacchi dovranno essere opportunamente etichettati in modo che siano chiaramente riconoscibili dai consumatori. La Commissione dovrà anche produrre uno specifico standard per il compostaggio domestico. Entro due anni dall’entrata in vigore della Direttiva, la commissione dovrà produrre al parlamento e al Consiglio una relazione sui sacchetti oxo degradabili per monitorarne l’impatto ambientale (microparticelle di plastica) ed eventualmente proporre ulteriori misure a tutela dell’ambiente.

Dopo il voto di ieri a Strasburgo, dove la commissione Envi ha approvato definitivamente il testo con 60 voti favorevoli, 3 astenuti e 0 contrari, la firma finale del provvedimento è prevista per il prossimo 17 dicembre.

25 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us