Ecologia

Nell’Artico la pioggia sostituirà la neve prima del previsto

In molte regioni dell'Artico la neve verrà sostituita dalla pioggia entro il 2060: accadrà anche se dovessimo riuscire a fermare l'aumento delle temperature.

Lo scorso 14 agosto, in Groenlandia, si è registrato un evento eccezionale. Nel punto più alto del Sermersuaq, la calotta polare che copre l'isola, a più di 3.000 m di altitudine, ha piovuto per parecchie ore, e per nove di queste la temperatura dell'aria è rimasta al di sopra dei 0 °C. Non era mai successo, almeno da quando osserviamo e registriamo le condizioni climatiche di uno dei luoghi più freddi della Terra: una regione che però, come nell'intero Artico, sta diventando sempre più calda. È una condizione che nei prossimi decenni potrebbe portare allo scioglimento di immense quantità di ghiaccio, con conseguenze sul clima globale e sulla circolazione delle correnti oceaniche ancora tutte da capire.

In anticipo. Uno studio pubblicato su Nature Communications dimostra che i tempi annunciati per questa catastrofe si sono accorciati: entro il 2060, con vent'anni di anticipo rispetto a quanto si pensava, in gran parte dell'Artico la neve sarà stata sostituita dalla pioggia.

La neve è oggi la forma di precipitazione dominante dell'Artico; le piogge sono rare, come dimostra l'eccezionalità di quelle dello scorso agosto. L'intera regione, però, si sta anche scaldando più rapidamente del resto del pianeta: altri modelli climatici in uso predicono che entro la fine del secolo, e più probabilmente entro il 2080, l'Artico diventerà una regione prevalentemente piovosa. Un cambiamento catastrofico che provocherà una serie di reazioni a catena a tutti i livelli dell'ecosistema, locale e globale.

Due esempi per tutti. La pioggia cade sulla neve, si congela e forma uno strato di ghiaccio che rende impossibile per gli erbivori raggiungere le piante: intere specie rischiano quindi di soffrire la fame. Più globalmente, più pioggia significa che il permafrost che copre la Groenlandia si scioglierà più rapidamente, rilasciando in atmosfere le enormi quantità di gas serra che al momento sono intrappolate nel suolo.

Questi eventi erano in preventivo già prima che uscisse questo studio, ma datati almeno al 2080, in base a precedenti modelli climatici. Lo studio citati usa invece un modello più raffinato e i cui risultati sono molto affidabili.

I risultati parlano di un anticipo di vent'anni circa sul momento in cui la neve lascerà il posto alla pioggia, ma anche del fatto che in alcune regioni dell'Artico questo accadrà anche se dovessimo riuscire a raggiungere l'utopistico obiettivo di ridurre le emissioni e bloccare l'aumento delle temperature globali ai famosi +1,5 °C. Altre regioni artiche (soprattutto quelle dell'Europa occidentale e della Russia) potrebbero invece venire preservate e mantenere il loro carattere nevoso - se riuscissimo a raggiungere tutti i traguardi che ci siamo posti. E al momento, purtroppo, questo è proprio un grosso "se".

16 dicembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us