Ecologia

Usare il gas propano nei condizionatori farebbe bene all'ambiente

Sostituire gli idrofluorocarburi (HFC) con il propano negli impianti di condizionamento eviterebbe un aumento dello 0,1 °C della temperatura globale entro fine secolo.

Più aumentano le temperature, più accendiamo l'aria condizionata; più accendiamo l'aria condizionata, più aumentano le temperature. È un circolo vizioso dal quale è difficile ma necessario uscire, considerando che il settore del raffreddamento (in inglese cooling sector) contribuisce per il 7% alle emissioni globali di gas serra. Uno studio pubblicato su PNAS suggerisce che il propano, un idrocarburo spesso utilizzato come combustibile, potrebbe sostituire gli idrofluorocarburi (HFC), i gas refrigeranti responsabili delle emissioni inquinanti, evitando così un aumento di 0,1 °C della temperatura globale entro fine secolo.

Gli impegni presi. Nel 1987 il Protocollo di Montreal aveva vietato, tra le altre cose, l'uso negli impianti di raffreddamento di sostanze che impoveriscono lo strato di ozono: questi gas refrigeranti erano stati sostituiti con altri gas, gli HFC, che non danneggiano l'ozono ma sono potenti gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale. Per questo nel 2016 l'Emendamento di Kigali ha imposto una riduzione nell'uso degli HFC dell'85% entro metà secolo.

Tre scenari. I ricercatori hanno analizzato gli effetti che avrebbe sostituire gli HFC con il propano negli impianti di condizionamento, ipotizzando tre scenari: il primo, dove gli HFC continuano a essere utilizzati come oggi; il secondo, dove gli HFC più potenti (HFC-410A) vengono sostituiti con altri meno inquinanti (HFC-32); il terzo, dove il propano sostituisce interamente gli HFC.

vaccini in frigo
Quando si parla di settore del raffreddamento si fa riferimento non solo all’aria condizionata, ma anche ai frigoriferi utilizzati per conservare gli alimenti, i farmaci o i vaccini. © Hakan GERMAN | Shutterstock

Dall'analisi è emerso che abbandonare totalmente gli idrofluorocarburi a favore del propano consentirebbe di evitare un aumento della temperatura globale tra 0,06 °C e 0,12 °C entro il 2100 (sostituire gli HFC410A con gli HFC-32, invece, eviterebbe solo un +0,03 °C). Quando si parla di temperatura globale, 0,09 °C è una quantità notevole, che corrisponde a circa un terzo di quanto ci manca per raggiungere il limite di +1,5 °C sui livelli preindustriali imposto dagli Accordi di Parigi.

Non così semplice. L'idea è indubbiamente vincente, ma la sua realizzazione presenta alcuni ostacoli: primo fra tutti il fatto che convertire tutti i climatizzatori del mondo affinché funzionino a propano sarebbe complesso, specialmente in Paesi come l'India o la Cina, dove la domanda sta crescendo rapidamente. In Europa e in Asia al momento esistono alcuni impianti di aria condizionata a propano, ma rappresentano una minima parte del mercato.

Aria condizionata
Secondo un report del 2018 dell'International Energy Agency, Cina e India sono i Paesi dove la richiesta di impianti di aria condizionata è maggiore (ed è in aumento). © International Energy Agency | Statista

Il settore è vasto, e lo sarà sempre di più: secondo un report del 2018 entro metà secolo il numero di impianti di aria condizionata nel mondo salirà a quota 5,6 miliardi.

Utilizzare il propano non basterà: considerato che l'80% delle emissioni inquinanti legate al settore derivano dall'elettricità utilizzata per accendere gli impianti di raffreddamento, un altro aspetto su cui bisogna lavorare è l'utilizzo di energia pulita per far funzionare questi impianti.

29 agosto 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us