Ecologia

Apple diventa un po' più solare ed eco-friendly

L'obiettivo è alimentare tutti e tre i data center con le rinnovabili.

di
Apple rilancia sui data center fotovoltaici. Si parte dal famoso data center di Maiden, che farà a meno del carbone entro fine 2012. Prevista anche una centrale a biogas.

"Apple è da tempo nel mirino degli ambientalisti per i suoi data center"

Quit Coal -

come iCloud

Si passa al solare - Questo abbondante uso di energia sporca aveva portato Apple nel mirino degli ambientalisti - che a dire il vero se la prendono anche con Facebook e Google, per gli stessi identici motivi - con un evidente danno di immagine per l'azienda che, si sa, sull'immagine ha costruito il suo impero. Ecco, allora, la svolta annunciata nel febbraio scorso: un enorme tetto fotovoltaico sul più grande e contestato dei data center - quello di Maiden in North Carolina - accoppiato a un piccolo impianto di accumulo dell'energia a biogas e fuel cell. Apple, adesso, conferma il piano annunciato e rilancia: Maiden sarà coal-free entro la fine di quest'anno.

Più di prima - A dire il vero la conferma da parte di Apple del "progetto Maiden" è anche una notizia, perché l'azienda afferma di voler andare molto oltre. Oltre al tetto, già bello grande, del data center Apple coprirà di pannelli fotovoltaici un'area limitrofa all'impianto grande circa 100 ettari. Il prossimo passo sarà convertire al solare anche il data center di Prineville, in Oregon. Ma per questa struttura, ammette Apple, siamo ancora in fase di progettazione. (sp)

Mediterraneo: sole, mare e pannelli solari

18 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us