Ecologia

Anno orribile anche per l'olio bio con perdite fino al 40%

La causa di questo brusco calo della produzione olearia è legata ai cambiamenti climatici, che hanno scatenato l'infestazione di una particolare specie di mosca, la Bactrocea oleae, che depone le proprie uova nel cuore del frutto. Resta forte la richiesta dei consumatori

Roma, 27 mar. - (AdnKronos) - L’hannus horribilis per l’olio italiano non ha risparmiato nemmeno gli ulivi biologici con perdite in alcune regioni che hanno raggiunto il 40% sulla produzione per la campagna 2014/2015. A tracciare il quadro della situazione all'Adnkronos è Firab, la Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica. La causa di questo brusco calo della produzione olearia è legata ai cambiamenti climatici (estate del 2014 molto calda e umida), che hanno scatenato l'infestazione di una particolare specie di mosca, la Bactrocea oleae, che depone le proprie uova nel cuore del frutto.

Le larve, dopo la schiusa, si nutrono della drupa dell'oliva (la parte polposa), svuotandola completamente. Per l'agricoltura biologica, che non utilizza larvicidi e pesticidi, il fenomeno ha generato ingentissime perdite. “L'agricoltura bio non prevede utilizzo di prodotti chimici e non può debellare se non in modo naturale questo insetto dannoso" spiega Alba Pietromarchi di Firab.

Dunque la perdita in termini di costi "è doppia. Per la mancata vendita di olio e per l'investimento in mano d'opera e logistica del trasporto delle olive, che devono comunque essere raccolte, per evitare un'infestazione di questa mosca anche per l'anno 2015”.

Le larve della Bactrocea oleae (mosca olearia) rimangono dentro i frutti svuotati fino a maturazione dell'insetto. Se l'oliva cade dall'albero prima di questa seconda fase di vita della mosca, le larve rimangono in quiescenza (stato di vita latente) fino alla stagione calda. I cambiamenti climatici riscontrati già durante l'estate 2013 (alte temperature e forte tasso di umidità) sono le condizioni migliori per la maturazione e riproduzione della mosca dell'olio.

A fronte di questo, però, la richiesta da parte dei consumatori di olio bio è rimasta forte e per far fronte a questo, gli oleocoltori biologici hanno puntato sul network, soprattutto quello dei gruppi di acquisto solidale. I consumatori dei Gas hanno deciso di acquistare l’olio dell'annata 2013/14 che abitualmente viene deprezzato con l’arrivo dell'olio nuovo, al prezzo dell'anno precedente.

Secondo i dati Sinab, l'Italia è il primo produttore al mondo di olive bio, con 176 mila ettari circa nel 2013 ed una crescita di oliveti convertiti al biologico del 7% rispetto al 2012. Questo porta l'incidenza della superficie biologica sul totale nazionale degli oliveti al 15%. La superficie olivicola biologica risulta concentrata per oltre il 70% nelle aree meridionali; in particolare in Puglia (32%), in Calabria (29%) e in Sicilia (14%).

27 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us