Ecologia

"Spaccio di sangue travestito da arte", animalisti in rivolta contro la mostra di Nitsch a Palermo

Lav, è a corto di idee. Oltre 60mila firmano petizione per bloccare la sua esposizione a Palermo

Roma, 26 giu. -(AdnKronos) - "Ma quale arte, è solo spaccio di sangue". Non si placa la bufera contro Hermann Nitsch e la sua mostra 'Das Orgien Mystherien Theater', prevista dal prossimo 10 luglio ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo dove, come già in precedenza, l'artista austriaco considerato uno dei massimi rappresentanti dell'Azionismo viennese, utilizza per le sue performance cadaveri di animali mutilati o crocifissi e il loro sangue. Un'espressione di efferatezza rivendicata da Nitsch ma rifiutata da chi ama gli animali.

La mostra era prevista in un primo tempo a Città del Messico ma lì una petizione l'ha bloccata. In Italia dove da qualche giorno si tenta la stessa strada con una nuova petizione già sottoscritta da oltre 60mila persone, la bufera che contrappone le ragioni dell'arte a quelle degli animali e di chi li ama, non si placa.

"Io amo gli animali più di tutto", ha assicurato oggi lo stesso Nitsch attraverso le colonne di un autorevole quotidiano rispondendo ai promotori della petizione. Ma "sono un drammaturgo e lavoro ad una nuova forma d'opera d'arte totale" e "un drammaturgo non può non confrontarsi col tragico, con la morte". Comunque, chiarisce Nitsch, "ho acquistato la carne per le mie azioni nei macelli e gli animali erano già stati macellati a scopo alimentare prima della mia azione".

Giustificazioni che non bastano e non convincono gli animalisti. "Evidentemente a corto di idee - attacca in risposta a Nitsch il presidente della Lega anti vivisezione, Gianluca Felicetti - l’esponente dell'Azionismo viennese da almeno vent’anni sguazza nelle viscere degli animali poiché questo fa sempre più notizia". Ama gli animali? "Li ama così tanto, da (farli) morire. Sì perché non ci risulta che Nitsch sia vegano e che sia un’attivista per i diritti degli animali che mostra la violenza sugli animali, come facciamo noi animalisti, violenza che esiste eccome nella realtà, per farla concretamente fermare".

E a chi accusa gli animalisti di censura Felicetti replica che chli lo fa dimentica "che la libertà di ognuno di noi termina dove la togliamo a qualcun altro. E che l’espressione artistica fa parte della vita terrena, con usi, costumi e leggi. Certo - sottolinea il presidente Lav - non voglio dire che sia Nitsch il responsabile della macellazione di circa 70 bovini ogni giorno, tutti i giorni, nei soli macelli palermitani. E’ piuttosto che lui mai si permetterebbe di utilizzare dei cadaveri umani, manipolare i loro organi, per condannare la guerra.

No, questo sarebbe anche illegale, obietterà qualcuno. Giusto. Così come è illegale trattare animali uccisi per il consumo umano da personale non autorizzato e sezionare le carni non in laboratori conformi ai vincoli igienico-sanitari". Per questo la Lav ricorda che "l’Assessore regionale alla Sanità Lucia Borsellino come il sindaco Leoluca Orlando potrebbero e dovrebbero vietare questo evento con l’intervento dell’ASP e con un'ordinanza. Altro che arte…".

26 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us