Ecologia

"Grande esempio di simbiosi tra architettura e natura", il grattacielo di Boeri oggi in gara per l'International Highrise Award

L'edificio realizzato a Milano si contende con altri quattro costruzioni il premio per il grattacielo più bello del mondo che verrà conferito oggi a Francoforte

Francoforte, 19 nov. -(AdnKronos) - Potrebbe essere il 'Bosco Verticale' progettato dall'italiano Stefano Boeri il vincitore dell'International Highrise Award, il premio che verrà assegnato oggi a Francoforte al più bel grattacielo del mondo. Il 'Bosco Verticale', è infatti tra i cinque finalisti scelti dalla giuria del premio promosso dal Museo di Architettura della città tedesca, che viene conferito ogni due anni a quegli edifici, alti almeno 100 metri, che si sono distinti per design pionieristico, sostenibilità, tecnologie innovative, integrazione urbana, funzionalità e aspetto esterno.

Definito dalla giuria un "grande esempio di simbiosi tra architettura e natura" il grattacielo firmato Boeri Studio e finito di costruire a Milano nel giugno scorso, è composto da due torri residenziali alte 80 e 112 metri con 113 appartamenti di diversa forma e dimensione, ognuno con accesso a un proprio balcone o terrazzo su cui crescono oltre 1.000 piante e alberi di diversa varietà, la cui manutenzione è gestita da un sofisticato sistema di irrigazione.

In finale, insieme al 'Bosco Verticale' dello studio Boeri, sono arrivati anche il 'De Rotterdam', realizzato a Rotterdam da Office for Metropolitan Architecture, 'One Central Park' di Sydney e 'Renaissance Barcelona Fira Hotel', entrambi di Ateliers Jean Nouvel, e 'Sliced Porosity Block', a Chengdu in Cina di Steven Holl Architects.

19 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us