Ecologia

"Ci siamo rotti i polmoni", flash mob di Legambiente /Foto

Roma, 30 dic. (AdnKronos) - "Ci siamo rotti i polmoni! No allo smog". È questo lo striscione che Legambiente questa mattina ha esposto davanti al ministero dell'Ambiente, in vista della riunione governativa convocata dal ministro Gian Luca Galletti per discutere, con i Presidenti di Regione e i sindaci dei grandi centri urbani, dei possibili interventi anti-smog da adottare nelle città.

Un blitz pensato per aumentare il pressing sul governo e per ribadire l’urgenza di affrontare l’emergenza smog con interventi mirati, attraverso una politica concreta e lungimirante e un piano straordinario per la mobilità urbana. Per l’associazione ambientalista, che nei giorni scorsi ha anche rilanciato al governo il decalogo anti-smog e le 12 buone pratiche virtuose che tanti altri sindaci potrebbero replicare, è fondamentale che l’esecutivo metta in campo una politica di sistema incentrata sul potenziamento del trasporto sul ferro e dei mezzi pubblici.

Per Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente, questa riunione "è un'occasione importante per non perdere l'attenzione su questo tema ed è un'occasione per sapere dal governo in che modo intende risolvere questo problema nei prossimi anni. Non basta la pioggia attesa per domani ma servono scelte strategiche per il futuro della città".

Per Zanchini "serve la consapevolezza che servono investimenti per potenziare il tpl. Nella legge di stabilità non c'è un euro per i pendolari né per nuovi tram o metropolitane che servirebbero per una città come Roma". Il collegato ambientale "è un segnale positivo. I titoli sono positivi ma mancano le risorse". Per Zanchini "bisogna fare delle scelte. Nella legge di stabilità ci sono alcuni miliardi di euro sia per Anas che per il sistema ferroviario per l'alta velocità". Dunque, "non vengano a dire che non ci sono le risorse. Ci sono ma vengono date nel modo sbagliato".

30 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us