Ecologia

Anche Microsoft dichiara guerra al CO2

Redmond promette di ridurre il co2 dal primo luglio.

di
Anche Microsoft, dopo gli annunci dei rivali Facebook e Google, si dichiara finalmente pronta a diventare “carbon neutral”, o meglio a ridurre al minimo il proprio impatto ambientale, soprattutto per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica. Almeno all’apparenza.

"Speriamo che la nostra decisione incoraggi anche le aziende medio-piccole a seguire il nostro esempio"

Cambio di rotta

business unit

L’obiettivo è quindi di incentivare l’uso di energie alternative

Chief Operating Officer

in post sul loro blog ufficiale

Greenpeace dubbiosa - L’associazione ambientalista Greenpeace, però, ha qualche dubbio a riguardo. Se da un lato si complimenta per il passo avanti compiuto dall’azienda di Bill Gates, dall’altro ha qualcosa da ridire sui metodi scelti. Il problema è nei “dettagli” del programma. Microsoft, in sostanza, non ha abbandonato l’idea di costruire nuovi centri per l’elaborazione dati alimentati a energia ben poco “green” (come il carbone) in Virginia e Wyoming, per poi riparare e nascondere il fattaccio attraverso il pagamento di nuovi incentivi per l’utilizzo delle rinnovabili. Greenpeace ritiene, in pratica, che si tratti più di (giri di) parole che di fatti. E invita l’azienda di Redmond a scegliere fonti verdi anche per la realizzazione dei nuovi data center. E in effetti così avrebbe più senso.

Tempi stretti - Microsoft afferma di voler diventare “carbon neutral” già a partire dal primo luglio di quest’anno. Seriamo che mantenga la promessa, se non altro per tenere testa a Facebook e Google, che si sono già attivate da tempo. Non che Microsoft abbia in effetti molte possibilità: il futuro è inevitabilmente “green”, sostenibile. Le ipotesi di andare avanti a lungo senza fare niente non stanno più in piedi. Le cose vanno cambiate, e anche in fretta. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

9 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us