Ecologia

Anche Microsoft dichiara guerra al CO2

Redmond promette di ridurre il co2 dal primo luglio.

di
Anche Microsoft, dopo gli annunci dei rivali Facebook e Google, si dichiara finalmente pronta a diventare “carbon neutral”, o meglio a ridurre al minimo il proprio impatto ambientale, soprattutto per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica. Almeno all’apparenza.

"Speriamo che la nostra decisione incoraggi anche le aziende medio-piccole a seguire il nostro esempio"

Cambio di rotta

business unit

L’obiettivo è quindi di incentivare l’uso di energie alternative

Chief Operating Officer

in post sul loro blog ufficiale

Greenpeace dubbiosa - L’associazione ambientalista Greenpeace, però, ha qualche dubbio a riguardo. Se da un lato si complimenta per il passo avanti compiuto dall’azienda di Bill Gates, dall’altro ha qualcosa da ridire sui metodi scelti. Il problema è nei “dettagli” del programma. Microsoft, in sostanza, non ha abbandonato l’idea di costruire nuovi centri per l’elaborazione dati alimentati a energia ben poco “green” (come il carbone) in Virginia e Wyoming, per poi riparare e nascondere il fattaccio attraverso il pagamento di nuovi incentivi per l’utilizzo delle rinnovabili. Greenpeace ritiene, in pratica, che si tratti più di (giri di) parole che di fatti. E invita l’azienda di Redmond a scegliere fonti verdi anche per la realizzazione dei nuovi data center. E in effetti così avrebbe più senso.

Tempi stretti - Microsoft afferma di voler diventare “carbon neutral” già a partire dal primo luglio di quest’anno. Seriamo che mantenga la promessa, se non altro per tenere testa a Facebook e Google, che si sono già attivate da tempo. Non che Microsoft abbia in effetti molte possibilità: il futuro è inevitabilmente “green”, sostenibile. Le ipotesi di andare avanti a lungo senza fare niente non stanno più in piedi. Le cose vanno cambiate, e anche in fretta. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

9 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Dalle antiche civiltà del mare ai Romani, dalle Repubbliche marinare alle grandi battaglie navali della Seconda guerra mondiale: il ruolo strategico che ha avuto per la storia – italiana e non solo - il Mediterraneo, crocevia di genti, culture, merci e religioni. E ancora: cento anni fa nasceva Don Milani, il sacerdote ribelle che rivoluzionò il modo di intendere la scuola e la fede; nella mente deigerarchi nazisti con gli strumenti del criminal profiling; le meraviglie dell'Esposizione Universale di Vienna del 1873, il canto del cigno dell'Impero asburgico.

ABBONATI A 29,90€

Attacco al tumore: le ultime novità su terapie geniche, screening, cure personalizzate, armi hi-tech. Inoltre: lo studio dell’Esa per la costruzione di una centrale fotovoltaica nello Spazio; dove sono le carte top secret sulla guerra in Ucraina; il cambio climatico ha triplicato le grandinate in Europa e, soprattutto, in Italia; quali sono le regole di convivenza tra le piante degli habitat “a erbe”.

ABBONATI A 31,90€
Follow us