Ecologia

Siamo tutti più ambientalisti

In Italia il numero di alberi pro capite è salito negli ultimi 30 anni, ma è cresciuta anche la cementificazione.

Il paesaggio italiano? Una battaglia senza esclusione di colpi tra cemento e natura. Anche se gli ultimi dati rivelano un aumento di sensibilità ambientale nel Belpaese: l'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr nel suo ultimo studio dichiara infatti che nel 2015 il numero di alberi per abitante in Italia è salito a 230, contro i 200 del 2005 (+15%) e i 140 del 1985 (+64%). Mentre la cementificazione del territorio è cresciuta del 166% dal 1950 al 2012: un arco di tempo di 62 anni che comprende il periodo del boom economico.

Luci e ombre. Nel gioco della statistica a ogni italiano possono essere attribuiti in media ben 350 mq di superficie costruita (cementificata), e anche nella positiva "conta delle piante" bisognerebbe considerare ciò che cresce in seguito all'abbandono delle campagne. Nonostante questo, si può forse azzardare un po' di ottimismo.

Il semplice conteggio delle piante suggerisce infatti che gli italiani hanno sviluppato una maggiore attenzione alla natura, negli ultimi 30 anni. Non basta, perché «la cementificazione aumenta per la pressione economica a sfruttare una superficie in breve tempo, e quindi in modo insensato e difficilmente recuperabile», dichiara Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretaria al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Il recupero è in realtà sempre possibile, ma solo al prezzo di ingenti investimenti, che per giunta sono per lo più pubblici. Qualche buon risultato, insomma, non deve far pensare di averlo acquisito per sempre.

15 settembre 2015 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us