Ecologia

In Perù gli indigeni combattono la deforestazione con la tecnologia

Un attento controllo delle foreste da parte delle popolazioni indigene, aiutate dalla tecnologia, ha dato buoni risultati contro la deforestazione in Perù.

Unire la tecnologia e la conoscenza del territorio delle popolazioni indigene per salvare l'Amazzonia dalla deforestazione: è quanto proposto da uno studio pubblicato su PNAS, che illustra gli ottimi risultati di un primo esperimento condotto con l'aiuto delle comunità indigene peruviane, addestrate a ricevere via app delle notifiche che segnalassero (basandosi su dati satellitari) situazioni a rischio deforestazione, e a monitorare e documentare i danni arrecati alla foresta, riportandoli poi alle autorità o risolvendo il problema direttamente con i responsabili.

Controllori della foresta. Gli indigeni che hanno partecipato allo studio, ricevevano delle notifiche mensili tramite app ogni volta che i satelliti rilevavano danni e perdite nelle foreste della zona. Quindi controllavano le aree segnalate e monitoravano i livelli di deforestazione anche in altre zone, riferendo poi la situazione alla propria comunità, che decideva se denunciare i colpevoli alle autorità locali o cercare di risolvere direttamente con loro. La deforestazione è infatti principalmente dovuta ad attività illegali, come l'abbattimento di alberi non regolato e la coltivazione di coca (Erythroxylon coca) per la produzione di cocaina.

Ottimi risultati. Il primo anno le foreste hanno perso 8,4 ettari in meno, segnando un -52% rispetto alle comunità di controllo (cioè quelle in cui questo sistema di sorveglianza non era stato attivato): «Questi risultati sono importanti e mostrano il successo di uno strumento utile alle comunità per ridurre la deforestazione», sottolinea Tara Slough, coautrice dello studio.

Il programma è risultato meno efficace il secondo anno, con una riduzione di soli 3,3 ettari rispetto alle comunità di controllo. Tuttavia, c'è una spiegazione: quell'anno il governo peruviano aveva condotto una campagna contro la coltivazione di coca, e questo potrebbe aver scoraggiato le coltivazioni illegali e inciso sulla deforestazione dei gruppi di controllo, che dunque è stata meno marcata che negli anni precedenti: questo spiegherebbe la minore differenza tra le comunità che hanno partecipato e quelle che non hanno partecipato al programma.

24 agosto 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us