Ecologia

In Perù gli indigeni combattono la deforestazione con la tecnologia

Un attento controllo delle foreste da parte delle popolazioni indigene, aiutate dalla tecnologia, ha dato buoni risultati contro la deforestazione in Perù.

Unire la tecnologia e la conoscenza del territorio delle popolazioni indigene per salvare l'Amazzonia dalla deforestazione: è quanto proposto da uno studio pubblicato su PNAS, che illustra gli ottimi risultati di un primo esperimento condotto con l'aiuto delle comunità indigene peruviane, addestrate a ricevere via app delle notifiche che segnalassero (basandosi su dati satellitari) situazioni a rischio deforestazione, e a monitorare e documentare i danni arrecati alla foresta, riportandoli poi alle autorità o risolvendo il problema direttamente con i responsabili.

Controllori della foresta. Gli indigeni che hanno partecipato allo studio, ricevevano delle notifiche mensili tramite app ogni volta che i satelliti rilevavano danni e perdite nelle foreste della zona. Quindi controllavano le aree segnalate e monitoravano i livelli di deforestazione anche in altre zone, riferendo poi la situazione alla propria comunità, che decideva se denunciare i colpevoli alle autorità locali o cercare di risolvere direttamente con loro. La deforestazione è infatti principalmente dovuta ad attività illegali, come l'abbattimento di alberi non regolato e la coltivazione di coca (Erythroxylon coca) per la produzione di cocaina.

Ottimi risultati. Il primo anno le foreste hanno perso 8,4 ettari in meno, segnando un -52% rispetto alle comunità di controllo (cioè quelle in cui questo sistema di sorveglianza non era stato attivato): «Questi risultati sono importanti e mostrano il successo di uno strumento utile alle comunità per ridurre la deforestazione», sottolinea Tara Slough, coautrice dello studio.

Il programma è risultato meno efficace il secondo anno, con una riduzione di soli 3,3 ettari rispetto alle comunità di controllo. Tuttavia, c'è una spiegazione: quell'anno il governo peruviano aveva condotto una campagna contro la coltivazione di coca, e questo potrebbe aver scoraggiato le coltivazioni illegali e inciso sulla deforestazione dei gruppi di controllo, che dunque è stata meno marcata che negli anni precedenti: questo spiegherebbe la minore differenza tra le comunità che hanno partecipato e quelle che non hanno partecipato al programma.

24 agosto 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us