Ecologia

All'ONU si mangiano i rifiuti

In attesa della conferenza sul clima di Parigi, ai leader mondiali è stato servito un pranzo a base di scarti alimentari.

Niente ostriche e champagne sulla tavola del quartier generale dell'Onu: solo spazzatura. È quello che è successo domenica, quando ai leader mondiali è stato servito un pasto a base di "rifiuti", per promuovere il tema dello spreco alimentare. Il presidente francese Hollande e quello peruviano Ollanta Humala hanno infatti organizzato un conviviale incontro per iniziare a discutere dei temi che saranno al centro della conferenza di Parigi sul clima.

La forza dello spreco... «Più di un terzo del cibo prodotto nel mondo finisce nella spazzatura». E ancora: «Se lo spreco alimentare fosse una nazione sarebbe il terzo più grande produttore di gas serra».

È con queste frasi scritte sul menu del pranzo che i capi di stato hanno assaporato hamburger fatti di polpa di verdura scartata dalla grande distribuzione, patatine fritte realizzate con mais destinato al bestiame, insalata condita con liquido di ceci in scatola e tante altre prelibatezze cucinate dagli chef Dan Barber e Sam Kass (il cuoco della Casa Bianca). Ecco il messaggio (in inglese) apparso sul profilo Twitter delle Nazioni Unite.

Scarti e riscaldamento globale. Lo scarto alimentare contribuisce al riscaldamento globale senza risolvere il problema della fame nel mondo. Si stima infatti che il 28% della superficie agricola del pianeta produca cibo che viene perso o sprecato, producendo un inquinamento equivalente a 3,3 miliardi di tonnellate di CO2. «L'obiettivo a lungo termine è eliminare lo spreco: per farlo non hai bisogno di usare mille parole, è più efficace cucinare a questi leader un delizioso pasto che li motiverà a diffondere il messaggio», ha dichiarato Kass.

30 settembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us