Ecologia

Allarme clima: solo 5 anni per correre ai ripari

Cinque anni al punto di non ritorno.

I cambiamenti climatici e riscaldamento globale causato dall’uso di combustibili fossili sta per segnare il punto di non ritorno. L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) mette in guardia il mondo prima della prossima conferenza di Durban sull’ambiente.

“Le emissioni di CO2 vanno ridotte entro 5 anni altrimenti sono guai seri”

Una porta che si chiude - “Se non si raggiungono accordi i cui effetti saranno visibili già nel 2017, la porta si chiuderà e non potremo mai più riaprirla”. È così che Fatih Birol, chief economist della IEA, descrive la situazione nella quale si trova il nostro Pianeta. La porta è quella che permette all’ambiente di mantenere un equilibrio relativamente stabile e, in particolare, di non superare i due gradi centigradi di riscaldamento dell’atmosfera.

Vicini alla soglia - Per evitare che la porta verso un nuovo equilibrio ambientale si chiuda per sempre, le emissioni di CO2 nell’atmosfera devono rimanere al di sotto della soglia di 450 parti per milione (ppm): ora come ora, siamo a 390 ppm e si continuano a costruire impianti che liberano CO2 nell’aria del nostro Pianeta. Il risultato è praticamente scontato: di questo passo il punto di non ritorno sarà raggiunto nel 2017.

Rivoluzione per sopravvivere - “A questo punto, quello che dobbiamo ottenere non è più un accordo internazionale sul clima. Noi dobbiamo innescare una vera e propria rivoluzione industriale ed energetica, la più grande che si sia mai vista”. Sono le parole di Christiana Figueres, Climate Chief delle Nazioni Unite, a indicare chiaramente cosa ci tocca fare per evitare il disastro e, soprattutto per non lasciare alle prossime generazioni un’eredità che nessuno vorrebbe.

Edoardo Bracaglia

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

10 novembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us