I mozziconi di sigaretta sono i veri dominatori dei mari

Molti dei prodotti tossici ritrovati in uccelli e pesci sono dispersi da 5.500 miliardi di sigarette fumate ogni anno.

shutterstock_529293496
Al danno ambientale si unisce la beffa paesaggistica.|Shutterstock

I filtri delle sigarette sono fatti di acetato di cellulosa: una sostanza sintetica che impiega decenni a decomporsi. Assieme ad altri composti plastici, si dissolve nell'acqua ed entra nella catena alimentare.

 

sigarette, un pericolo anche per la fauna marina.
Un pericolo anche per la fauna marina. | IPA/Alamy

Il danno. A farne le spese non sono solo i pesci, ma anche tartarughe e uccelli marini. Secondo una ricerca, ripresa anche in un lungo approfondimento sulle pagine online di NBC News, le sostanze dei filtri sono state ritrovate nel 30% delle tartarughe e nel 70% degli uccelli analizzati.

 

Attraverso il pesce, queste sostanze arrivano anche all'uomo.

 

La beffa. Come effetto collaterale non del tutto secondario, i mozziconi invadono le spiagge. Ocean Conservancy, un'organizzazione "globale" di volontari, ha raccolto 60 milioni di mozziconi in trent'anni: un terzo circa del totale dei rifiuti raccolti.

 

sigarette, il problema non è solo di chi fuma
Il problema non è solo di chi fuma. | Julie, Flickr

Curare. Per quanto i volontari si impegnino, non possono raccogliere i mozziconi di tutto il mondo. Per rimediare (cavalcando la ricca onda dei fumatori) sono nate aziende che propongono filtri biodegradabili, mentre una "iniziativa pilota" per adesso circoscritta a San Francisco impone una sovratassa di 60 centesimi a pacchetto per ripagare i costi di raccolta e smaltimento.

 

Prevenire. La soluzione migliore sarebbe però un'altra, forse difficile per i fumatori ma più semplice. C'è bisogno di dirla?

05 Settembre 2018 | Davide Lizzani