Ecologia

Alberi e cambiamenti climatici: una relazione complicata

I cambiamenti climatici fanno anticipare la fioritura delle piante, sbilanciando un fragile equilibrio e rischiando di danneggiare interi ecosistemi.

I cambiamenti climatici continuano a mietere vittime innocenti: uno studio condotto da un team internazionale di ricercatori ha infatti dimostrato che negli ultimi settant'anni la fioritura delle piante è progressivamente anticipata, più di quanto sia accaduto al fenomeno correlato della distensione delle foglie. Questi due eventi fenologici, ovvero relativi allo sviluppo delle piante, sono strettamente legati al cambio stagionale delle temperature: «Le piante esposte alle basse temperature, durante l'inverno, "riposano" prima dell'esplosione dei germogli delle nuove foglie», spiega Qianqian Ma, capo dello studio, «e necessitano di temperature miti per poter fiorire in primavera». Il cambiamento climatico sta compromettendo l'equilibrio tra fasi e clima, e rischia di danneggiare interi ecosistemi.

Troppo in fretta. I ricercatori hanno analizzato quattro specie di piante europee (l'ippocastano, il pino silvestre, l'ontano e il frassino), prendendo in considerazione gli anni dal 1950 al 2013. Secondo quanto scoperto, ogni dieci anni l'intervallo di tempo tra distensione delle foglie e fioritura sarebbe aumentato da 0,6 a 1,3 giorni, con l'intervallo maggiore rilevato nelle aree più calde d'Europa. La distensione delle foglie e la fioritura corrispondono rispettivamente alla crescita e alla riproduzione delle piante, e una variazione nella consequenzialità di questi due eventi può avere esiti devastanti: «Gli alberi potrebbero distribuire diversamente le risorse tra crescita e riproduzione», spiega Jian-Guo Huang, uno degli autori, «e lasciare i fiori o le foglie alla mercé delle tardive gelate primaverili, se compaiono troppo presto».

Non solo piante. Le specie che producono fiori prima delle foglie, come il frassino, potrebbero soffrire perdite nella produzione di semi se i fiori venissero danneggiati dal gelo primaverile; le piante che, al contrario, producono foglie prima di fiori, come l'ippocastano, potrebbero ridurre la propria crescita e assorbire meno anidride carbonica. «I cambiamenti avrebbero gravi conseguenze sull'ecosistema, sui cicli degli elementi nutritivi e sul sequestro di CO2», spiega Qianqian Ma. Uno squilibrio nei tempi di fioritura potrebbe danneggiare anche le interazioni con gli impollinatori, mettendo a rischio la sopravvivenza di entrambe le specie (con conseguenze dirette anche per l'uomo).

31 dicembre 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us