Ecologia

A teatro con Fido, al Vittoriale si può

L'iniziativa 'abbaiaVate' apre le porte della dimora storica agli animali per un ciclo di 15 spettacoli, in onore all'amore che D'Annunzio aveva per questi animali

Roma, 11 giu. - (AdnKronos) - A teatro con il proprio cane. Al Vittoriale, dimora storica si Gabriele D'Annunzio, si può. La speciale campagna che consentirà agli spettatori di assistere a 15 spettacoli internazionali assieme ai propri animali nell'ambito del festival Tener-amente , si chiama 'AbbaiaVate', un omaggio al grande amore che il padrone di casa nutriva per i cani. Levrieri e alani sempre lo hanno seguito nelle sue residenze, compreso il Vittoriale.

Ancora oggi, nei giardini privati del parco monumentale, si può visitare il cimitero dei suoi adorati cani, con le piccole lapidi e il nome di ciascuno scritto in rosso. Nel Museo 'D'Annunzio Segreto', allestito sotto il palco dell'anfiteatro, una bacheca è riservata proprio a collari e guinzagli, documenti autografi e gigantografie del Poeta ritratto con le care bestiole. Né manca una citazione di tanto amore sul Mausoleo, dove da qualche anno le sculture dell'artista milanese Velasco Vitali vegliano, mute, la tomba del Vate.

Per il prossimo autunno la Fondazione diretta da Giordano Bruno Guerri ha poi annunciato la restituzione al pubblico dei "canili" di d'Annunzio: vere e proprie casette in muratura, in alcuni casi a più piani, collocate in un'area lungo il Viale di Aligi finora non accessibile ai visitatori. E’ quindi fortissimo e con radici antiche il legame tra il Vittoriale e i cani, da cui nasce il progetto che, in collaborazione con uno sponsor, per tutta la durata del Festival non solo promuoverà l'accesso ai cani e ai loro padroni, ma garantirà loro un'accoglienza speciale, con ciotole per l’abbeveraggio, snack e altri speciali servizi offerti ai visitatori che si presenteranno con il proprio animale.

11 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us