Ecologia

A rischio il 99% della più grande barriera corallina giapponese

Preoccupa lo stato del reef giapponese vicino a Okinawa: ancora in salute poco più dell'1% dei coralli, il resto è mangiato dal bleaching e dalle stelle marine.

Periodicamente dobbiamo dare conto delle condizioni drammatiche in cui versano le barriere coralline: dopo la Grande Barriera Corallina australiana e quelle delle Hawaii, è ora la volta di aggiornare il bollettino di guerra del più importante reef giapponese.

Quasi del tutto compromessa. Secondo un nuovo studio del Ministero dell'Ambiente nipponico riportato dal Japan Times, soltanto l'1,4% della barriera corallina della Laguna di Sekisei, nel sudovest del Paese, non distante dall'isola di Okinawa, è ancora in salute. Il resto del reef, che si estende per 67,89 km quadrati, non si è ripreso dallo sbiancamento o bleaching - la minaccia principale alla sopravvivenza dei coralli - né dai danni arrecati da una stella marina velenosa.

I risultati confermano quelli, già deprimenti, annunciati dallo stesso Ministero lo scorso anno, quando il 70% dell'ecosistema era stato dichiarato morto, e il 90% compromesso dal bleaching - il fenomeno di espulsione dell'alga simbionte del corallo dovuto all'innalzamento di temperatura e all'acidificazione delle acque. Se anche ci fossero le condizioni per la ripresa, ci vorrebbero decine di anni per riavere un reef sano.

La conta dei superstiti. L'entità del danno è stata appurata confrontando un migliaio di immagini satellitari della Laguna di Sekisei e delle barriere coralline attorno ad altre due isole della Prefettura di Okinawa (Ishigaki e Iriomote). La proporzione di coralli sani appariva già da qualche tempo molto ridotta: nel 1991 era il 14,6% del totale, e nel 2008 era scesa ad appena lo 0,8%, a causa delle condizioni di stress ambientale imposte da El Niño, il fenomeno climatico quell'anno particolarmente intenso.

Da allora, la barriera corallina non si è particolarmente ripresa - o lo ha fatto in misura assai ridotta - complice un'altra ondata di bleaching nel 2016. Anche nelle due vicine lagune, i coralli sani sono appena l'1% del totale. Se questo disastroso declino non si inverte, assisteremo alla perdita della fauna che da questa barriera dipende: il reef giapponese era già di suo particolarmente ricco di biodiversità, e comprendeva almeno 350 specie di coralli.

23 maggio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us