Ecologia

Perché l'erba sintetica è nemica dell'ambiente

L'erba artificiale è verde solo per il colore: sono tanti i motivi per cui sarebbe meglio tornare ai prati veri. A cominciare dall'inquinamento da plastica.

Sono sempre di più i giardini che si tingono del verde plastificato dei manti erbosi artificiali: date le precipitazioni sempre più sporadiche e le difficoltà nel mantenere un bel prato all'inglese, optare per una soluzione in polietilene sembra la scelta migliore. Ma lo è davvero? Esteticamente, forse: per l'ambiente, non proprio. Un articolo della BBC si interroga sui pro e i contro di questa scelta, facendo riflettere su alcuni aspetti che difficilmente prendiamo in considerazione quando scegliamo come decorare il nostro giardino.

Un mercato in crescita. Prima di tutto un po' di numeri: un report pubblicato di recente afferma che nel 2021 il mercato di erba artificiale ha mosso oltre 4 miliardi di dollari, in aumento rispetto agli anni precedenti. Oltre un quarto delle vendite sono state in Asia, e le stime per gli anni futuri sono al rialzo. La pandemia di covid ha contribuito alla crescita, e in particolare i lockdown del 2020 hanno fatto sì che molte persone decidessero di investire il denaro che non potevano utilizzare per viaggiare o svagarsi ridecorando o migliorando il proprio giardino.

Non sono ancora state fatte delle ricerche approfondite sull'impatto ambientale dell'erba sintetica, ma un gruppo di scienziati sta analizzando i "pro e contro" dei tappeti verdi artificiali in Australia, dove l'uso è esteso addirittura ai parchi comunali.

Senza acqua? Contrariamente a quanto si sarebbe portati a pensare, non è vero che l'erba artificiale non necessita di acqua: «I nuovi materiali ibridi hanno bisogno di essere irrigati per far crescere i fili d'erba naturali in mezzo a quelli artificiali», spiega Sebastian Pfautsch, uno degli autori dello studio, che smentisce dunque l'idea secondo la quale avere un prato artificiale faccia risparmiare acqua.

Bollente. Un altro aspetto da considerare è che il prato in polietilene, essendo un materiale plastico, tende a scaldarsi molto: «In alcuni casi l'erba artificiale arriva a toccare i 100 °C», racconta Pfautsch alla BBC sottolineando che, oltre a rendere la superficie erbosa impraticabile a piedi nudi, questo surriscaldamento rappresenta un rischio per lo sviluppo di eventuali incendi, anche con temperature ambientali inferiori ai 30 °C.

Riciclo erba artificiale
In alcuni Paesi europei come la Danimarca, la Francia, i Paesi Bassi e la Germania, esistono delle soluzioni specifiche per riciclare i tappeti erbosi artificiali. © New Africa | Shutterstock

Microplastiche e CO2. Uno dei problemi principali è poi l'inquinamento da plastica: la European Chemicals Agency (ECHA) stima che ogni anno solo in Europa vengano disperse nell'ambiente tra le 18.000 e le 72.000 tonnellate di microplastica provenienti da prati artificiali. «Queste microplastiche rischiano di venire ingerite da organismi viventi o contaminare l'ambiente con sostanze chimiche pericolose», sottolinea Tom Stanton della Loughborough University (Inghilterra).

Anche produrre i fili d'erba artificiali (in plastica) emette CO2: «Mentre un prato di erba naturale assorbe la CO2, un prato artificiale ne aumenta la quantità nell'atmosfera», ricorda Richard Bunting dell'organizzazione Rewilding Britain.

Meglio naturale. Insomma, nonostante l'ECHA abbia proposto di limitare l'uso delle microplastiche come riempimento dei prati artificiali, se avete un pezzetto di terra optate per l'erba naturale: aiuterete l'ambiente, attirerete uccelli e api, e non dovrete mai pensare a come riciclarla.

24 agosto 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us