Ecologia

Joe Biden ha deciso: l'oleodotto della discordia non si farà

Bloccato dall'amministrazione del Presidente la realizzazione dell'oleodotto Usa che sarebbe stato uno dei più lunghi al mondo. Un altro segnale verso le energie pulite.

Alla fine sembra abbiano vinto le organizzazione ambientaliste e il buonsenso: il Keystone XL Pipeline project è stato definitivamente archiviato dall'amministrazione Biden.

L'oleodotto non s'a da fare. Il progetto prevedeva la realizzazione di uno degli oleodotti più lunghi al mondo: quasi 2.000 km di condutture e pompe che avrebbero dovuto portare trasportare bitume grezzo dai siti di estrazione in Alberta (Canada) fino alle raffinerie americane del Nebraska. Il nuovo sistema di pompaggio avrebbe ampliato la capacità produttiva della TC Energy, che dal 2010 utilizza una imponente rete di oleodotti per trasferire il greggio canadese in varie zone degli Stati Uniti centrali, dove viene raffinato e trasformato.

La nuova infrastruttura, dal costo di quasi 10 miliardi di dollari, avrebbe richiesto agli investitori, decenni prima di essere ultimata, di essere completamente ammortizzata, e avrebbe quindi notevolmente rallentato la transizione degli Stati Uniti verso l'energia pulita. 

Disastro ecologico. Dal punto di vista ambientale questo oleodotto sarebbe stato ancora più impattante rispetto a quelli esistenti: il bitume, infatti, rispetto al greggio è molto più acido, denso e corrosivo e in caso di perdite provoca danni ingenti a tutta la zona circostante. La realizzazione dell'oleodotto avrebbe inoltre attraversato zone protette e territori dei nativi alterando ecosistemi unici. Il progetto, già bloccato dalla prima amministrazione Obama, era stato approvato dal Presidente Trump in uno dei suoi primi atti ufficiali, prima di essere nuovamente bloccato, questa volta si spera per sempre, dal team di Biden.

19 luglio 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us