Eco-dubbi da pausa pranzo ovvero: il modo più "verde" per incartare i panini

Anche la mitica "schiscetta" rischia di incidere sulla nostra impronta ambientale. Qualche consiglio per spuntini ecosostenibili, anche fuori casa.

corbis_42-27302163_web
Riciclare l'alluminio per alimenti è un'abitudine ecosostenibile.

Portarsi un tramezzino da casa rinunciando a quelli del bar permette di consumare pause pranzo leggere, se non altro per il portafoglio. Ma oltre che per le nostre tasche, è un'abitudine sostenibile anche per l'ambiente?
Tutto dipende da come incartate il panino nel "viaggio" tra casa e l'ufficio. Fogli di alluminio e pellicola trasparente si ricavano da fonti non rinnovabili e dalla lavorazione ad alto impatto ambientale, rispettivamente alluminio e petrolio. Mentre l'alluminio è completamente riutilizzabile - una volta "svolto" si può piegare e usare per avvolgere nuovi alimenti - nonché riciclabile (gettatelo nei bidoni per la raccolta di lattine e alluminio, e non in quelli per carta e cartone), lo stesso non si può dire per la pellicola. Se siete riusciti a staccarla e avvolgerla ordinatamente intorno al sandwich senza usarne due metri, significa che siete abili. Ma difficilmente potrete riutilizzare quella pallina di plastica accartocciata che avvolgeva il vostro pranzo.

Vivere verde

Altri consigli per uno stile di vita ecosostenibile su Focus Green Life.

Una possibile soluzione "ecofriendly" è quella di non incartare lo spuntino ma inserirlo in un pratico Tupperware, un contenitore di plastica lavabile che in cucina non manca mai. In alternativa, potete provare una delle nuove pellicole biodegradabili presenti in commercio. L'azienda italiana Novamont, per esempio, ne ha presentata una lo scorso anno: Cling, una pellicola compostabile (e cioè capace di trasformarsi in compost, un terriccio ricavato dalla decomposizione e dell'umificazione di materie organiche) fabbricata con materie prime di origine agricola. Una volta utilizzata, la si getta direttamente nell'umido.

E voi, quali stratagemmi adottate per pause pranzo "verdi" ed economiche? Vi portate la "schiscetta" da casa? Sotto con i commenti!

30 Gennaio 2012 | Elisabetta Intini