Ecologia

133 anni di cambiamenti climatici in musica

Negli USA un team di musicisti  e un professore di geografia hanno assegnato a ogni nota una temperatura e suonato la variazione del clima dal 1880 al 2014.

Cosa succederebbe se quattro musicisti tentassero di riassumere gli ultimi 133 anni del pianeta trasformando le temperature in note? È questo il progetto dello studente Daniel Crawford e del professore di geografia Scott St. George dell'University of Minnesota che ha coinvolto quattro alunni della scuola di musica dell'ateneo.


Un esperimento musicale di questo tipo era già stato effettuato sempre presso l'università nel 2013, ma questa volta gli ideatori del progetto hanno pensato di svilupparlo in modo diverso con una nuova composizione, "Planetary Bands, Warming World", che potete ascoltare nel video in apertura.


Note e temperature. «Ogni strumento rappresenta una parte specifica dell'emisfero boreale. Il violoncello interpreta le temperature della zona equatoriale, la viola quelle delle medie latitudini e i due violini seguono rispettivamente quelle delle alte latitudini e dell'Artico», spiega Daniel Crawford all'inizio del filmato. Lo studente riferisce di aver accordato il tono di ogni nota alla temperatura media annuale di ogni regione (i dati sono stati forniti dalla Nasa): le note più basse rappresentano gli anni più freddi, quelle alte gli anni più caldi.


Toni striduli all'artico. Se il brano inizia con melodie piuttosto basse (anno 1880), con il passare del tempo quello che si ascolta è un aumento delle tonalità alte: nel 2014, il suono del violino "artico" diventa sempre più stridulo, a significare un preoccupante aumento delle temperature al Polo Nord dovuto al riscaldamento globale.

26 settembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us