World press photo, gli scatti più belli dell'anno

Seimila fotoreporter provenienti da ogni parte del mondo. Centomila scatti per raccontare in modo semplice e immediato il periodo appena trascorso. Guerre, paura, devastazione, ma anche animali, arte, natura e momenti di vita quotidiana, visti attraverso la prospettiva spesso inedita dell'obiettivo. Anche quest'anno non perdetevi una carrellata del meglio del fotogiornalismo internazionale: tutti gli scatti più belli del World Press Photo 2010.

È arrivato a Teheran per fare il suo lavoro, la scorsa estate. Ma una volta sul posto Pietro Masturzo, un giovane freelance napoletano, non ha potuto scendere in piazza per fotografare le proteste post elettorali. Costretto in casa per ragioni di sicurezza non gli è rimasto che puntare l'obiettivo dal tetto del suo palazzo, e immortalare la rivolta discreta di alcune vicine. Queste donne che urlano contro il regime hanno conquistato il voto delle giuria internazionale: a Masturzo va il primo premio di 10 mila euro per la miglior foto dell'anno. Guarda anche le foto premiate nelle scorse edizioni

Foto © Pietro Masturzo


Testi e ricerca fotografica: Elisabetta Intini

Primo premio per la categoria "Nature Singles" a Joe Petersburger, il fotografo di questo affamatissimo martin pescatore (ord. Coraciiformes).
Dopo aver acciuffato un pesce gli uccelli di questa specie lo sbattono ripetutamente contro un sasso o un rametto. Un accorgimento che stordisce la preda impedendole di agitarsi e di pungere il pennuto con le sue spine.

Foto: © Joe Petersburger/National Geographic

Un albatros fuligginoso (Phoebetria palpebrata) si affaccia sulla baia di Gold Harbour, Georgia del Sud. Gli esemplari di questa specie vivono anche 40 anni. L'uccello della foto quindi, potrebbe aver assistito ai significativi cambiamenti avvenuti nella zona: nel 1985 un ghiacciaio ricoprì questa spiaggia, e da allora i ghiacci si sono ritirati di circa un chilometro e mezzo. Primo premio nella categoria "Nature Stories".

Foto: © Paul Nicklen/National Geographic

Alcuni ricercatori remano lungo un ruscello che scorre tra i ghiacci. Siamo in Groenlandia, l'isola più grande del mondo, dove il ghiaccio ricopre oltre l'80% della superficie totale. Secondo classificato nella categoria "Nature Singles".

Foto: © Nick Cobbing/eyevine per Greenpeace International

Il giocatore britannico di cricket Jonathan Trott si lancia sulla palla durante un match, a Londra. Con questo scatto il fotografo inglese Gareth Copley si è aggiudicato il primo premio nella categoria "Sports Action Singles".

Foto: © Gareth Copley/Press Association

... gli Ironman cominciano a giocare. Questa foto è stata scattata alle isole Hawaii durante l'Ironman Triathlon, un'ultra-maratona riservata ai veri sportivi. Chi altro se no, resisterebbe a 3 chilometri di nuoto, 180 di bicicletta e 42 di corsa? Primo posto nella categoria "Sports Action Stories".
Oltre i limiti dello sport: non perderti la fotogallery sulle gare degli ultra-atleti

Foto: © Donald Miralle Jr

I tifosi degli Yankee cercano di distrarre un giocatore della squadra avversaria - di cui si vede solo un guantone - durante una partita di baseball. Se potessero soffiare tutti insieme sulla pallina... Per la capacità di cogliere questo preciso istante Robert Gauthier, del Los Angeles Times, ha vinto il primo premio nella categoria "Sports Features Singles".

Foto: © Robert Gauthier/Los Angeles Times Magazine 

Lance Armstrong preso d'assalto dai fotografi durante il suo ritorno in Francia nel 2009. Con questo scatto del ciclista statunitense la sua connazionale Elizabeth Kreutz, una delle poche rappresentanti femminili presenti in classifica, ha vinto il primo premio nella categoria "Sports Features Stories".  

Foto: © Elizabeth Kreutz

Musica, fumo e compagnia per questa foto scattata a Rainbowland, Nuovo Messico.  
L'autrice, la canadese Kitra Cahana, ha vinto il primo premio nella categoria "Arts and Entertainment Stories".

Foto: © Kitra Cahana/Fabrica for Colors

Primo premio nella categoria "Arts and Entertainment Singles" a Malick Sidibé del The New York Times Magazine. La sua foto di moda intitolata Fashion portfolio: Prints and the Revolution è stata scattata in Mali.

Foto: © Malick Sidibé/The New York Times Magazine

Gli occhi chiusi come per godersi il momento, Barack Obama affronta il giorno del suo ufficiale insediamento, il 20 gennaio 2009. Lo scatto intitolato Inauguration Day si è aggiudicato il primo premio nella categoria "People in the News Stories".
Dalla scienza alla tecnologia, dallo sport alla politica: tutti gli eventi più importanti dell'ultimo decennio (guarda) 

Foto: © Charles Ommanney/Getty Images per Newsweek

Un giovane israeliano getta del vino addosso a una donna palestinese. Storie di ordinaria violenza a Hebron, 30 chilometri a sud di Gerusalemme. La foto è stata scattata proprio da una donna israeliana, Rina Castelnuovo, terza classificata nella categoria "General News singles".

Foto: © Rina Castelnuovo for The New York Times

È domenica mattina e su questa spiaggia del Mozambico si allestisce un picnic degno del lunedì di Pasquetta. Lo scatto è valso a Joan Bardeletti il secondo premio nella categoria "Daily Life Singles".

Per la crudezza dei soggetti e delle situazioni, alcune delle foto seguenti sono sconsigliate a persone sensibili e sono adatte a un pubblico adulto.

Foto: © Joan Bardeletti

Una donna afgana viene allontanata di corsa dal luogo di un attentato kamikaze. Con questa foto scattata a Kabul il 15 dicembre scorso, l'australiano Adam Ferguson ha conquistato il primo premio nella categoria "Spot News Singles".

Foto: © Adam Ferguson/VII Mentor Program per The New York Times

Acquattati dietro a un nascondiglio di fortuna due ragazzi del Madagascar attendono la fine dei disordini in strada. Nel febbraio 2009 il paese africano è stato travolto da una protesta antigovernativa e decine di persone sono rimaste uccise nel corso della rivolta.
 
Foto: © Walter Astrada, REUTERS / Agence France-Presse 

Primo classificato nella categoria "General News Singles" il fotografo svedese Kent Klich.
Qui siamo nel salotto di un appartamento della Striscia di Gaza. 

Foto: © Kent Klich

Una pattuglia di soldati americani - uno dei quali in una mise ben poco mimetica - risponde al fuoco talebano nella valle di Korengal, Afghanistan. Qui si sono concentrate alcune delle battaglie militari più cruente della regione. E qui il fotografo inglese Tim Hetherington ha scattato tre anni fa la foto vincitrice del World Press Photo 2007.
Primo premio nella categoria "People in the News Singles".

Foto: © David Guttenfelder/The Associated Press

Oltre a Masturzo quest'anno, sono stati premiati altri 8 fotografi italiani. Uno di loro è Marco Vernaschi, del Pulitzer Center, che con questa foto scattata in Guinea Bissau si è classificato al primo posto nella categoria "General News Stories".

Foto: © Marco Vernaschi/Pulitzer Center

Questa bambina e la sua tigre - di peluche! - sono state costrette a cambiare casa. Il campo rom di Casilino 900 alla periferia nord di Roma (dove è ambientata la foto), è stato infatti sgomberato proprio in questi ultimi giorni. Oltre 600 persone hanno dovuto abbandonare la zona, ceduta 40 anni fa  alla comunità rom dagli italiani che nel frattempo avevano ottenuto un alloggio popolare. Casilino 900 abitato da bosniaci, montenegrini e kosovari era il campo nomade più grande d'Italia e uno dei più estesi di tutta Europa.
Secondo classificato nella categoria "Contemporary Issues Stories".

Foto: © Alessandro Imbriaco

Adrian, tredicenne affetto da autismo, è solo davanti a uno schermo. Scene di vita quotidiana per la categoria "Daily Life Stories", vinta dal fotografo peruviano Gihan Tubbeh.

Foto: © Gihan Tubbeh

Un altro minore, in questo caso una bambina, classificato al secondo posto nella categoria "Portraits Stories". Lo scatto dell'olandese Annie van Gemert, fa parte di una serie di foto dal titolo Boys and Girls.

Foto: © Annie van Gemert

Attenzione, il soggetto della prossima foto non è adatto a un pubblico sensibile.

Il 2009 verrà ricordato come l'anno della conferenza sul clima di Cophenagen. Non verrà ricordato, putroppo, per le continue carestie e siccità che flagellano il nostro pianeta. Come quella che ha colpito l'Africa Centrale. In questa foto, una giraffa morta di sete nella savana del Kenya settentionale.

Foto: © Stefano De Luigi/VII Network per Le Monde Magazine

Seimila fotoreporter provenienti da ogni parte del mondo. Centomila scatti per raccontare in modo semplice e immediato il periodo appena trascorso. Guerre, paura, devastazione, ma anche animali, arte, natura e momenti di vita quotidiana, visti attraverso la prospettiva spesso inedita dell'obiettivo. Anche quest'anno non perdetevi una carrellata del meglio del fotogiornalismo internazionale: tutti gli scatti più belli del World Press Photo 2010.

È arrivato a Teheran per fare il suo lavoro, la scorsa estate. Ma una volta sul posto Pietro Masturzo, un giovane freelance napoletano, non ha potuto scendere in piazza per fotografare le proteste post elettorali. Costretto in casa per ragioni di sicurezza non gli è rimasto che puntare l'obiettivo dal tetto del suo palazzo, e immortalare la rivolta discreta di alcune vicine. Queste donne che urlano contro il regime hanno conquistato il voto delle giuria internazionale: a Masturzo va il primo premio di 10 mila euro per la miglior foto dell'anno. Guarda anche le foto premiate nelle scorse edizioni

Foto © Pietro Masturzo


Testi e ricerca fotografica: Elisabetta Intini