Passa al verde!

Ridurre le emissioni nocive, investire in fonti energetiche alternative, trasformare il proprio quartiere o la propria città in un luogo davvero pulito... obiettivi un po' "fuori mano"? Tutt'altro! Bastano un progetto, politiche intelligenti e (molta) buona volontà. In questa fotogallery troverete nove esempi diversi, ma tutti efficaci, di comunità che hanno fatto dell'energia verde la loro bandiera. Quale sarà il vostro "stile" preferito?

get_93912358_webdockside_webreu_rtxpq67_webmasdar_webreu_rtxazgs_webreu_rtr1q3u3_webreu_rtr21c94_webget_99148912_webget_ba6079-001_webApprofondimenti
get_93912358_web

Nel maggio 2007 un tornado forza 5 ha distrutto quasi completamente la loro cittadina. Una settimana più tardi, gli abitanti di Greensburg (lett. "città verde", in inglese), Kansas, stavano già pensando a come ricostruirla. Trasformando la tragedia in opportunità hanno ideato un progetto ambizioso: quello di fare della loro comunità un modello di eco sostenibilità per tutti i piccoli centri dall'America rurale. Greensburg trae energia pulita da un mix di eolico, geotermico e solare. Una centrale eolica produce elettricità sufficiente per 4 mila famiglie (quella che avanza, è rivenduta), i lampioni (nella foto) sono alimentati ai LED e si è persino trovato il modo di riutilizzare la legna degli alberi abbattuti dal tornado.

Il migliore progetto degli Stati Uniti
Superficie totale:
3,9 Km²
Popolazione: 900 abitanti
Completamente "verde" entro: 2017
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 19800, equivalenti a 825 mila alberi piantati

Testi e ricerca fotografica: Elisabetta Intini

dockside_web

Costruita a ridosso di un porto industriale di Victoria, Canada, Dockside Green è un centro residenziale che ha fatto molto parlare di sé per aver raggiunto il più alto punteggio al mondo nella scala di certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), il sistema statunitense di valutazione dell'impronta ambientale e della sostenibilità degli edifici. La sua peculiarità è un impianto a biomassa - il bio-boiler - alimentato con gli scarti di legname delle aziende della zona, che scalda gli ambienti e l'acqua sanitaria di tutti gli appartamenti del distretto, rifornendo anche alcuni edifici vicini.

La soluzione più ingegnosa
Superficie totale: 121,000 m²
Popolazione: 2500 abitanti
Completamente "verde" entro: 2011
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 52500, equivalenti a 9100 auto in meno sulle strade

Foto: © Lotus Johnson (ngawangchodron)

reu_rtxpq67_web

L'ultimo eclatante gesto, in ordine di tempo, è stato quello di organizzare il primo incontro governativo subacqueo (nella foto), per attirare l'attenzione globale sulle drammatiche, possibili conseguenze dell'innalzamento del livello dei mari. Il futuro delle Maldive - da tempo impegnate, nel loro piccolo, a investire su politiche energetiche alternative - è strettamente legato all'impegno di tutti: se il livello degli oceani continuerà a salire, i primi a farne le spese saranno proprio gli abitanti di questo arcipelago, insieme a quelli delle isole Tuvalu (situate tra le Hawaii e l’Australia) e delle Fiji, la rappresentante delle quali è scoppiata in lacrime davanti al fallimento dei negoziati per il clima di Copenhagen.

La trasformazione più urgente
Superficie totale:
300 km²
Popolazione: 396,334 abitanti
Completamente "verde" entro: 2020
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 792668

masdar_web

Sfruttare al meglio la risorsa più preziosa del Medio Oriente, e questa volta non stiamo parlando del petrolio: è al Sole che Masdar City, una città "verde" che sorgerà a 17 chilometri da Abu Dhabi, sta guardando per la realizzazione del suo ambizioso progetto. La città sfrutterà per il suo fabbisogno l'energia prodotta da una serie di impianti a energia solare - tra cui la più grande distesa di pannelli fotovoltaici della regione - e da sorgenti geotermiche. Nella prima fase di sviluppo del progetto, che prevede la costruzione del Masdar Institute campus (un centro di ricerca sulle energie rinnovabili) i trasporti saranno garantiti da autobus elettrici e da piccoli veicoli elettrici senza autista e comandabili a voce.

La trasformazione più costosa (22 miliardi di dollari)
Superficie totale: 6 km²
Popolazione stimata: 50 mila abitanti
Completamente "verde" entro: 2020
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 3 milioni e mezzo

Foto © 2010 Masdar City

reu_rtxazgs_web

L'obiettivo è arrivare a coprire con le fonti rinnovabili almeno il 20% del fabbisogno energetico entro il 2020. Per raggiungerlo, gli ingegneri di Città del Vaticano hanno installato, su richiesta di Benedetto XVI (ribattezzato "Papa verde" dai giornalisti per il suo interesse alle tematiche ambientali), una serie di pannelli solari sul tetto dell'auditorium dell'Aula Paolo VI, non lontano dalla cupola di San Pietro. L'impianto produce circa 300 megawattora (MWh) all'anno, quanto basterebbe per coprire il fabbisogno energetico di un centinaio di famiglie. Grande attenzione stanno ricevendo anche alcuni progetti sulle biomasse.

La comunità più "santa"

Superficie totale: 0,44 Km²
Popolazione: 826 abitanti
Completamente "verde" entro: non precisato
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 7434

reu_rtr1q3u3_web

Il piano è ambizioso: diventare la prima nazione al mondo a tagliare definitivamente le emissioni di anidride carbonica. E il tempo per realizzarlo, non molto: entro il 2021, anno del 200esimo anniversario dalla sua fondazione, la Costa Rica dovrà rinunciare ad ogni forma di energia non sostenibile. In questo cammino comunque, è già a buon punto, considerando che già attualmente il 90% dell’energia che produce proviene da fonti rinnovabili come eolico, geotermico e soprattutto, impianti idroelettrici (nella foto, una diga a Ujarras de Cartago). Tra i prossimi obiettivi, l'introduzione di treni e autobus elettrici, bioetanolo e biodisel per le automobili.

La trasformazione più ambiziosa
Superficie totale: 51100 km²
Popolazione: 4 milioni 25 mila abitanti
Completamente "verde" entro: 2021
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 8,5 milioni, equivalenti a 354 milioni di alberi piantati

reu_rtr21c94_web

Dietro alla scelta energetica degli abitanti di Samsø, un'isola della Danimarca, non c'è né un disastro naturale né una direttiva dall'alto, ma solo un forte senso civico che ha permesso all'isola, che un tempo si basava esclusivamente su petrolio e carbone, di trasformarsi in un paradiso energetico completamente verde. Il tutto nell'arco di 10 anni. Ora Samsø ricava il 100% dell'elettricità di cui ha bisogno dal vento (nella foto, un impianto eolico al largo della costa), mentre il calore proviene da impianti solari e biomasse. Attualmente l'isola produce il 10% di energia in più rispetto al suo fabbisogno.

La trasformazione più rapida
Superficie totale:
114 km²
Popolazione: 4 mila abitanti
Completamente "verde" dal: 2007
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 48 mila

get_99148912_web

Per ora si tratta soltanto di un insediamento pilota. Ma se tutti i quartieri di Londra prendessero esempio da BedZed (l'abbreviazione di Beddington Zero Energy Development), un piccolo agglomerato di un centinaio di case alle porte della capitale britannica, l'impronta ambientale della città si ridurrebbe, eccome. Progettato dall'architetto inglese Bill Dunster come modello di vita ecosostenibile, è stato costruito interamente con materiali riciclati o provenienti da un raggio di 50 chilometri di distanza per limitare le emissioni dei trasporti. Un efficiente sistema di raccolta dell'acqua piovana e di riciclaggio di quella di scarico riduce notevolmente (circa un terzo) il consumo della rete idrica, mentre la dispersione di calore è evitata attraverso tripli vetri e altissimi livelli di isolamento. Pannelli solari ed elettrodomestici a basso consumo completano l'opera.

La comunità più piccola
Superficie totale: 18 mila m²
Popolazione: 220 abitanti
Completamente "verde" dal: 2002
Tonnellate annuali di anidride carbonica risparmiate: 2420

get_ba6079-001_web

Non sempre per un cambiamento radicale occorrono idee supertecnologiche. Per tentare di ridurre il suo impatto ambientale, la città di Moreland, nell'area metropolitana di Melbourne, Australia, ha deciso di puntare tutto su un'opera capillare di istruzione e sensibilizzazione sui temi della sostenibilità, e su capitali da mettere a disposizione per progetti che sfruttino energia alternativa (in particolare, quella solare). L'obiettivo è quello di divenire, a piccoli passi, una comunità a impatto zero entro il 2030. Nella foto, un impianto solare australiano.

La trasformazione più a portata di mano
Superficie totale:
51 km²
Popolazione: 149122 abitanti
Completamente "verde" entro: 2030
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 3,4 milioni, equivalenti a 595 mila auto in meno sulle strade

Nel maggio 2007 un tornado forza 5 ha distrutto quasi completamente la loro cittadina. Una settimana più tardi, gli abitanti di Greensburg (lett. "città verde", in inglese), Kansas, stavano già pensando a come ricostruirla. Trasformando la tragedia in opportunità hanno ideato un progetto ambizioso: quello di fare della loro comunità un modello di eco sostenibilità per tutti i piccoli centri dall'America rurale. Greensburg trae energia pulita da un mix di eolico, geotermico e solare. Una centrale eolica produce elettricità sufficiente per 4 mila famiglie (quella che avanza, è rivenduta), i lampioni (nella foto) sono alimentati ai LED e si è persino trovato il modo di riutilizzare la legna degli alberi abbattuti dal tornado.

Il migliore progetto degli Stati Uniti
Superficie totale:
3,9 Km²
Popolazione: 900 abitanti
Completamente "verde" entro: 2017
Tonnellate annuali di anidride carbonica che saranno risparmiate: 19800, equivalenti a 825 mila alberi piantati

Testi e ricerca fotografica: Elisabetta Intini