Gli scimpanzé giocano a memory (quasi) come noi
I primati, messi alla prova in un test-gioco di memoria, rivelano una fondamentale differenza rispetto agli umani.
Se non vedo, non mi emoziono
Gli emisferi del cervello sono coinvolti in modo diverso nell'elaborazione di stimoli visivi positivi e negativi.
Un pappagallo gigante vissuto milioni di anni fa
Scoperto in un giacimento fossile vicino alla cittadina di Saint Bathans, in Nuova Zelanda, il pappagallo alto un metro sarebbe vissuto milioni di anni fa, nutrendosi (forse) non solo di bacche.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

La rana di vetro con il cuore in bella vista
La nuova specie con il ventre completamente trasparente e il sistema cardiocircolatorio ben osservabile è stata scoperta nella pianura amazzonica dell'Ecuador, dove lotta per sopravvivere.
La mafia delle scimmie
I macachi che vivono attorno a un antico tempio di Bali hanno imparato a barattare le merci rubate ai turisti con snack e frutta: un tipo di scambio che apprendono osservando i loro simili.
Perché i pesci abissali sono trasparenti?
Essere trasparenti non è da tutti, e richiede condizioni particolari: è una bella strategia per sfuggire ai predatori, ma non sempre funziona.
I pesci emettono flatulenze?
Non esattamente come noi, ma dato che anche i pesci accumulano gas nell'intestino, in qualche modo devono espellerlo.
Anche i serpenti cacciano in branco!
Tremate, correte: questi rettili striscianti sanno coordinare i loro sforzi per rendere la caccia ancora più micidiale. Finora li si pensava predatori solitari.
Come hanno fatto le balene a divenire così grandi?
Un corpo lungo come un aereo di linea e un cuore grande come un'utilitaria: la scienza fa luce sul mistero della taglia extralarge di questi cetacei. Una conquista relativamente recente.
Il più antico antenato delle balene
Lo studio internazionale ha coinvolto anche ricercatori delle università di Pisa e di Camerino e ci aiuterà a capire l'evoluzione dei cetacei.
Il curioso caso dei bruchi senza microbi
Lo studio di oltre un centinaio di specie di mangia-foglie rivela la totale mancanza di flora batterica intestinale: un fatto che pare più comune di quanto si credesse.