Ambiente

La vita frenetica degli animali migratori

Le specie migratorie si sviluppano più in fretta, si riproducono prima e vivono meno degli animali che non migrano: è una vita frenetica che li consuma.

Chi non migra, va sano e va lontano: potremmo coniare un nuovo proverbio per riassumere i risultati di una ricerca pubblicata su Nature Communications, che ha analizzato la vita di quasi 1.300 specie di mammiferi e uccelli migratori confrontandola con quelle di specie simili non migratorie. Dallo studio è emerso che gli animali che migrano si sviluppano più in fretta, si riproducono prima e muoiono più giovani dei loro simili "sedentari". Questa scoperta potrebbe spiegare il perché molte specie migratorie sono in declino: vivere "più in fretta" li porterebbe infatti ad adattarsi con meno facilità ai cambiamenti di habitat e clima, e a non accoppiarsi se non in condizioni ottimali.

La riproduzione prima di tutto. Migrare comporta un grande dispendio di energia, che non può essere utilizzata per altri scopi, come riprodursi: per questo gli animali migratori antepongono la necessità di perpetuare la propria specie a quella di sopravvivere, accoppiandosi e morendo prima dei propri simili che non migrano.

Sensibili ai cambiamenti climatici. Secondo i ricercatori, i risultati dello studio aiutano a prevedere la risposta di mammiferi e uccelli migratori ai cambiamenti climatici: «Prendiamo il caso degli uccelli che migrano verso l'Alto Artico», spiega Stuart Bearhop, uno degli autori. «Arrivano in primavera, e hanno poco tempo per riprodursi: in molti lo fanno solo se le condizioni ambientali sono ottimali». Se i cambiamenti climatici danneggiano il loro habitat, molte specie migratorie rischiano di non riprodursi affatto.

Lo studio ha inoltre evidenziato una sostanziale differenza tra specie che migrano via mare o via terra, e specie che si spostano in volo. «I primi sono normalmente più grandi, perché devono immagazzinare maggiori quantità di energia per percorrere lunghe distanze», spiega Dave Hodgson, uno degli autori. «Al contrario, gli uccelli devono essere più leggeri per consumare meno energia durante il volo».

24 novembre 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us