Animali

Le vespe isolate non riconoscono più le facce delle compagne

Il contesto sociale ha un ruolo vitale anche per organismi semplici: con l'isolamento, le vespe fisionomiste perdono l'abilità di riconoscersi.

Crescere in solitudine inibisce, in alcune specie di vespe, la capacità di riconoscere i volti delle loro simili: uno studio sugli effetti dell'isolamento sullo sviluppo cerebrale chiarisce che la mancanza forzata di contatti è deleteria anche per organismi dal cervello relativamente semplice, come gli insetti imenotteri. La ricerca pubblicata su Biology Letters, si è focalizzata su un tipo di vespa cartonaia, la Polistes fuscatus, che condivide con gli umani, i primati e alcune altre specie di mammiferi l'abilità di identificare le compagne dalla fisionomia dei tratti facciali. 

tattica di sopravvivenza. Per questa specie di vespa sociale diffusa negli Stati Uniti orientali, riconoscere i "volti" delle colleghe è indispensabile per mantenere delle buone interazioni sociali. Gli insetti vivono infatti in nidi di un centinaio di esemplari divisi in più gruppi cooperanti capeggiati da diverse regine. La capacità di collaborare non evita la formazione di gerarchie e competizioni, e ogni tanto il nido si fa... stretto: oltre alle solite tecniche sensoriali (olfattive e chimiche), distinguere in volto le consimili è utile per gestire i conflitti e capire se il lavoro all'interno del gruppo sia equamente ripartito.

Un recente lavoro dell'Università del Michigan aveva dimostrato che queste vespe perdono la capacità di riconoscere le facce quando crescono in situazioni di isolamento. Per capire perché questo accada, gli scienziati della Cornell University, New York, hanno separato alcune larve dalla colonia, e le hanno cresciute in condizioni di isolamento per un paio di mesi. Queste vespe, così come quelle del gruppo di controllo, sono state lasciate maturare in mezzo alla carta colorata, che si sa stimolare il loro sviluppo cerebrale.

effetto visibile. Quando i ricercatori hanno confrontato il loro cervello con quello delle vespe cresciute con altre simili, si sono accorti che tutti i cervelli erano cresciuti di circa il 13% in questo primo periodo, ma quelli delle vespe isolate mostravano una cruciale differenza: il tubercolo ottico anteriore, una regione cerebrale coinvolta nella memoria, nell'elaborazione dei colori e nella distinzione degli oggetti, era il 10% più piccolo. Insomma come noi, le vespe dipendono dal contesto sociale per uno sviluppo cerebrale sano.

26 aprile 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us