Animali

Uomini e coralli, uniti nel DNA

Il corallo rivela le antiche origini dei geni umani: il 90% è in comune e la notizia getta luci e ombre sui modelli evolutivi.

Uomini e coralli, uniti nel DNA
Il corallo rivela le antiche origini dei geni umani: il 90% è in comune e la notizia getta luci e ombre sui modelli evolutivi.

L'Acropora millepora possiede il 90 per cento dei geni in comune con l'uomo.Foto: © Andy Hipkiss.
L'Acropora millepora possiede il 90 per cento dei geni in comune con l'uomo.
Foto: © Andy Hipkiss.

Di solito si pensa che più due specie sono simili, più geni hanno in comune. L'uomo e lo scimpanzé, per esempio, hanno circa il 95 per cento di geni uguali. È stato quindi accolto con una certa sorpresa il lavoro che alcuni ricercatori, guidati da D. Kortschak, hanno pubblicato sulla rivista Current biology.
Studiando oltre 1300 geni del corallo australiano Acropora millepora, è stato scoperto che il 90 per cento di questi geni sono presenti anche nell'uomo. Ma che addirittura il 10 per cento non è presente in specie che si pensava fossero più simili all'uomo, come il moscerino della frutta e il nematode Caenorhabditis elegans, un vermetto spesso usato nelle ricerca di genetica.
Uomini e coralli. Il corallo infatti è alla base di tutti gli alberi filogenetici, come animale estremamente primitivo. Il fatto che abbiamo in comune geni con il corallo e non con il moscerino significa che non è più possibile costruire “alberi genealogici” certi basati soltanto sui geni, perché alcuni di essi possono essere presenti in specie anche molto distanti fra loro.
Le conseguenze di questa scoperta possono essere molte; prima di tutto alcuni geni che si pensava fossero un'“innovazione dei vertebrati” potrebbero avere invece un'origine molto più antica ed essere rimasti nei vertebrati stessi e in altri animali solo lontanamente imparentati. Secondo, non è poi così strano che alcune specie possano, nel corso della loro evoluzione, “scartare” alcuni geni che non servono più. Un'idea controversa, ma che sembra aver avuto la conferma con questo studio.

(Notizia aggiornata il 24 dicembre 2003)

22 dicembre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us