Una rana che gracida come un soprano

Non solo le balene, i pipistrelli e i topi, anche alcune rane usano gli ultrasuoni per comunicare. Una rana di torrente che vive in Cina "canta" a 34.000 hertz.

2006316122514_8

Una rana che gracida come un soprano
Non solo le balene, i pipistrelli e i topi, anche alcune rane usano gli ultrasuoni per comunicare. Una rana di torrente che vive in Cina "canta" a 34.000 hertz.
I maschi di  Amolops tormotus (nella foto) sono in grado di percepire suoni con frequenze molto alte, superiori ai 34.000 hertz.Immagine: © Albert Feng.
I maschi di Amolops tormotus (nella foto) sono in grado di percepire suoni con frequenze molto alte, superiori ai 34.000 hertz.
Immagine: © Albert Feng.

Come fare a comunicare quando il frastuono di sottofondo è troppo forte? Semplicemente usando gli ultrasuoni. Come fa la rana Amolops tormotus che abita i torrenti delle sorgenti calde di Huangshan in Cina, in una zona montuosa ricca di corsi e cascate d'acqua.
Maschi canterini. Un team di scienziati guidati da Albert Feng dell'Università dell'Illinois, ha registrato alcuni suoni udibili e degli ultrasuoni, poi li ha fatti ascoltare a un gruppo di otto maschi di Amolops tormotus.
Cinque di questi hanno risposto a tutti i suoni, compresi gli utlrasuoni. Gli altri tre - secondo i ricercatori - avrebbero percepito i suoni ma non sarebbero stati in grado di rispondere.
Secondo Feng i maschi di questa specie di rane avrebbero sviluppato la capacità di udire e gracidare agli utlrasuoni per comunicare quando, durante la stagione delle piogge, il rumore dell'acqua e delle cascate è molto elevato. Il suo team, inoltre, ha scoperto che queste rane “cantano” emettendo ultrasuoni a una frequenza di 34.000 hertz, ben superiore  a quella normalmente rilevata dall'orecchio umano (20.000 hertz).
Ci vuole orecchio. Questo spiegherebbe come mai, a differenza della rana comune che ha un solo padiglione auricolare esterno posto vicino alla faccia, la Amolops tormotus ha un canale uditivo visibile collegato a un timpano incassato nel cranio. Gli scienziati ora vogliono studiare le femmine della specie per scoprire se percepiscono gli ultrasuoni, pur non avendo la stessa conformazione anatomica dell'orecchio.
La strategia della comunicazione con gli ultrasuoni fino a questo momento era conosciuta solo per i mammiferi: pipistrelli, mammiferi marini e alcuni roditori. La scoperta dimostra che questa particolare capacità si è sviluppata anche in altri gruppi animali.

(Notizia aggiornata al 16 marzo 2006)

16 Marzo 2006