Una lucertola vince la battaglia dei sessi?

Marito ricco e amante prestante? Per una lucertola dell'Ovest americano è la prassi.

20021111145532_5

Una lucertola vince la battaglia dei sessi?
Marito ricco e amante prestante? Per una lucertola dell'Ovest americano è la prassi.
Una femmina di Uta stansburiana: calcolatrice?(Foto: Erik F. Enderson)
Una femmina di Uta stansburiana: calcolatrice?
(Foto: Erik F. Enderson)
Sposarsi con un maschio debole ma ricco, per poi accoppiarsi con un altro partner, più aitante, in modo tale da assicurarsi una prole forte e sana, che usufruisca anche della posizione privilegiata del padre “ufficiale”. Non è la cronaca dell'ultima donna acchiappa-ricchi, ma la storia della Uta stansburiana, la piccola lucertola dell'Ovest americano, che vive tra le rocce delle Montagne Rocciose, tra Canada e Messico.
Osservando la lucertola nel suo habitat naturale, i biologi dell'Istituto comportamentale dell'Università della California hanno notato il suo comportamento sessuale decisamente bizzarro. In genere la femmina predilige accoppiarsi con i maschi più in salute e che occupano le rocce migliori: messa di fronte ad una scelta, però, la lucertola preferisce convivere con un maschio anche poco prestante, purchè abbia lo status sociale migliore (insomma, risieda sulla roccia più prestigiosa).
L'esemplare più forte non è affatto scartato in vista della riproduzione, anzi: la femmina dopo essersi accoppiata con svariati maschi (in genere anche 5 o 6 per ogni ciclo riproduttivo), conserva il loro sperma in una sorta di “spermateca”, una speciale cavità dal corpo, dalla quale poi lo sperma è selezionato ad hoc. Quello del maschio evolutivamente migliore è destinato alla produzione di figli maschi, quello del maschio più debole è riservato al concepimento delle femmine. Un processo, quello messo in atto dalla lucertola, ancora avvolto nel mistero.

(Notizia aggiornata al 13 novembre 2002)

11 Novembre 2002