Animali

Un nuovo fossile ridà la voce all'uccello del terrore

È stato ritrovato uno scheletro straordinariamente integro di un uccello predatore, vissuto dopo la scomparsa dei dinosauri. I paleontologi anche sono riusciti a ricostruire la voce del carnivoro piumato.

Su una spiaggia argentina è stato rinvenuto uno scheletro completo al 90% di una nuova specie di "uccello del terrore", un gigantesco pennuto carnivoro che visse in Sud America poco dopo la scomparsa dei dinosauri. È la prima volta che viene portato alla luce un reperto fossile così particolareggiato di questo animale, tanto che gli studiosi sono stati in grado di ricostruire parte del suo apparato sensoriale arrivando a ipotizzare che avesse una "voce" molto profonda. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati sul Journal of Vertebrate Paleontology.

Predatori con le piume. I forusracidi (Phorusrhacidae), noti più comunemente con l'appellativo di uccelli del terrore, sono una famiglia di enormi uccelli carnivori non volatori, vissuti in America meridionale nel corso del Cenozoico (tra i 62 e 2 milioni di anni fa), quando i dinosauri avevano già passato mano a mammiferi e altri vertebrati.

Una ricostruzione artistica dell'aspetto del Llallawavis scagliali

L'altezza di questi predatori piumati poteva raggiungere anche i 3 metri, ed erano dotati di un micidiale becco a uncino di quasi 50 cm che permetteva loro di lacerare la carne di mammiferi di taglia media. Secondo le stime più accreditate si ritiene che, nonostante la mole imponente, gli uccelli del terrore fossero abili corridori, in grado di raggiungere velocità di 48 chilometri orari.

Fossile spiaggiato. L'equipe di paleontologi argentini ha rinvenuto lo scheletro in una spiaggia non troppo distante dalla città turistica di Mar del Plata. La nuova specie è stata ribattezzata Llallawavis scagliali, in omaggio a Fernando Scaglia, uno degli autori dello studio.

Ricostruzione di un esemplare di Llallawavis scagliali. Le ossa non rinvenute nello scheletro fossile sono colorate grigio. © Federico Degrange et al.

Si tratta di un esemplare alto 1,2 metri, il cui peso è calcolabile intorno ai 18 chili; misure che collocano il Llallawavis scagliali tra i forusracidi di taglia media. Il reperto risalirebbe a 3,5 milioni di anni fa, quando l'era dei grandi uccelli del terrore stava lentamente giungendo al termine. Le cause dell'estinzione di questi animali sono ancora da individuare.

Voce di basso. La straordinaria integrità del fossile ha aperto nuovi orizzonti ai ricercatori. A destare particolare interesse è stato il grado di conservazione del cranio, che ha permesso ai paleontologi di fare alcune ipotesi concrete sulle capacità sensoriali del predatore. «Una cosa molto interessante è che siamo riusciti a ricostruire la forma dell'orecchio interno», ha detto a BBC News Federico Degrange, un altro degli studiosi coinvolti nel ritrovamento.

Il fossile ritrovato in Sud America.

La ricostruzione è stata possibile facendo una confronto con alcune specie viventi. Le analisi di anatomia comparata hanno evidenziato che il Llallawavis aveva un udito complessivamente inferiore a quello degli uccelli moderni, ma molto più sensibile alle frequenze basse. Questa osservazione, più una serie di altri raffronti con i pennuti moderni, suggeriscono che gli uccelli predatori fossero dotati di un richiamo grave e cavernoso, un suono paragonabile alla lontana a quello di uno struzzo o un emù.

12 aprile 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us